Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, Tevere prosciugato: portata al minimo storico e nuovi divieti in arrivo | Video

Nella zona di Perugia il Tevere tocca la portata minima storica: un metro cubo al secondo. Tra Ponte Felcino e Ponte San Giovanni ci sono interi tratti in secca, con fiume prosciugato. Per questo in Regione sono allo studio nuovi divieti sul fronte attingimenti: all’inizio di luglio sono stati introdotti con un’ordinanza stop per fasce orarie e per determinati giorni. Non solo sul Tevere ma anche in altri corpi idrici superficiali. Nei prossimi giorni i vincoli potrebbero diventare più stringenti, col divieto assoluto nei tratti ormai asciutti e per i fiumi minori che hanno portata tendente allo zero. Vedi i torrenti Genna, Caina e alcuni tratti del Nestore. Non ci sono solo siccità e attingimenti a mettere a rischio il Tevere. La Regione Toscana ha chiesto una drastica riduzione dei rilasci della diga di Montedoglio. Gli uffici della Regione Umbria stanno valutando una soluzione più graduale. Ma se la crisi idrica continua con questa intensità un razionamento sarà inevitabile. Tutto il cuore verde è già in stato di“grave deficit idrico” secondo la Protezione civile nazionale. L’ultimo studio aggiornato al 2 agosto dell’autorità di bacino dell’appennino centrale sancisce lo stato di crisi del Tevere. E del Chiascio suo affluente. Le portate attuali del Tevere a Ponte Felcino e del Chiascio, alla chiusura del bacino a Torgiano, “hanno valori intorno a 1 mc/s risultando essere tra le portate minime storiche registrate”, è scritto nel rapporto. “Severità alta” è il grado valutato, “sia per le portate disponibili delle sorgenti e di quelle prelevabili dai pozzi idropotabili, sia più in generale per la situazione dei deflussi dei corsi d'acqua, che in particolare inoltre per i livelli idrici del lago Trasimeno e delle dighe di Arezzo e Montedoglio”. In definitiva, “pur avendo adottato tutte le misure preventive, prevale uno stato critico non ragionevolmente prevedibile, nel quale la disponibilità della risorsa idrica non risulta sufficiente ad evitare possibili danni al sistema”, è scritto ancora il report. Nei primi 7 mesi del 2022 “si registra un deficit idrico complessivo di circa il 50%, con una media per i mesi di maggio, giugno e luglio intorno al 70%”. Legambiente Perugia in riferimento al Tevere parla di possibile “disastro ecologico”.
“Il Tevere a Ponte Pattoli a Perugia - è scritto in una nota - è praticamente in secca. Da Torgiano, grazie all’apporto delle acque del Chiascio, le portate migliorano leggermente,ma a Montemolino a Todi si registrano morie di pesci probabilmente dovute alla carenza di ossigeno nelle acque”.
“Una situazione drammatica che è sotto gli occhi di tutti. Dopo le scarse piogge dell’inverno e della primavera scorsi era chiaro a tuttiche avremmo dovuto affrontare una delle più gravi emergenze idriche degli ultimi anni” commenta Giovanni Carmignani, presidente del Circolo Legambiente Perugia e Valli del Tevere. “Si continua a prelevare acqua dal Tevere per irrigare campi di tabacco anche fuori dalle disposizioni regionali che sono ormai provvedimenti inadeguati alla gravità di una situazione. Gli ecosistemi acquatici sono quelli più fragili – continua Carmignani – con queste temperature e scarsità di acqua, basta un abbassamento improvviso di ossigeno, uno scarico fognario mal funzionante e ci troveremmo di fronte ad un disastro ecologico con la morte di tutte le componenti biotiche del fiume”. Per Legambiente “occorre fermare immediatamente i prelievi ad uso irriguo e potenziare i controlli per salvare quello che rimane di ecosistemi fluviali ormai allo stremo”.

Alessandro Antonini