Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, Riccardo Zampagna: guardate che rovesciata prima della partita Ternana-Cavese - Video

Il lupo perde il pelo ma non il vizio... di fare le rovesciate!

 

Riccardo Zampagna, oggi allenatore ma ancor prima opinionista delle telecronache della Ternana, trasmesse praticamente dall'inizio della stagione calcistica (tranne le primissime partite) da Cusano Italia Tv (canale 264), l'emittente nazionale sul digitale terrestre del presidente, Stefano Bandecchi, prima dell'inizio della partita della Ternana contro la Cavese, in programma mercoledì 7 aprile 2021, sul campo di gioco del Liberati si è cimentato nel pezzo forte del suo repertorio da grande bomber: la rovesciata.

 

Zampagna, vestito di tutto punto, in borghese, si è fatto alzare la palla ed ha poi sforbicato, un metro entro l'area, verso la porta, dove un improvvisato portiere ha, in qualche modo... rovinato la festa, respingendo di piede. "Che c... fai, la pari?", ha subito reagito Riccardone, prima ultras della curva Est, poi idolo dei tifosi della Ternana quando seppe segnare la bellezza di 21 gol in un campionato di serie B nell'unica stagione in cui ebbe la fortuna (e per lui il privilegio e l'onore) di difendere i colori del cuore. Il gesto tecnico, comunque, rimane e propria la rovesciata è il "marchio di fabbrica" della straordinaria carriera di Zampagna, al punto da farlo diventare anche il titolo del libro autobiografico che scrisse con il giornalista Ivano Mari qualche anno fa ("Il calcio alla rovescia"). Messa per il momento da parte la carriera da tecnico, sebbene porti avanti il progetto della scuola calcio con la società San Giovanni Bosco di Terni, Zampagna quest'anno ha potuto commentare da "spalla" del telecronista la straordinaria cavalcata della Ternana senza saltare una partita, mettendo l'accento sulle scelte sempre ispirate del suo ex collega-bomber nonché amico, l'allenatore rossoverde, Cristiano Lucarelli. Un altro che ha segnato in carriera gol a raffica, anche se magari non... in rovesciata, come il numero nove più amato dai tifosi delle Fere, seppure per una sola stagione.