Amb. Azerbaigian: non solo gas, Italia per noi importante partner

Mammad Ahmadzada: il Tap parta come da calendario nel 2020

20.12.2018 - 18:30

0

Roma, (askanews) - Si conclude un anno di intensi rapporti tra Italia e Azerbaigian, con un importante scambio di visite che, dice l'ambasciatore azero a Roma Mammad Ahmadzada, deve avere seguito e l'avrà, con l'obiettivo di "avvicinare le nostre società".

"Siamo molto soddisfatti dal livello che abbiamo raggiunto nei rapporti bilaterali con l'Italia, soprattutto in questo anno che ha visto una serie di visite ad altissimo livello, a cominciare da quella del presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella in Azerbaigian. Poi abbiamo avuto in Italia il primo vicepresidente della Repubblica dell'Azerbaigian, Mehriban Aliyeva, e la visita in Azerbaigian della presidente del Senato italiano Maria Elisabetta Alberti Casellati. Si tratta di tre visite importantissime dal punto di vista del dialogo politico e istituzionale, anche per il fatto che queste importanti tre cariche hanno compiuto visite in Azerbaigian e in Italia per la prima volta nella nostra storia. Poi possiamo dire che in questo anno abbiamo raggiunto un livello molto importante per i rapporti economici, con la conferma dell'Italia come primo partner commerciale e dell'Azerbaigian come principale fornitore di greggio per l'Italia. Abbiamo anche cercato di diversificare il rapporto economico con l'Italia: non a caso durante la visita del presidente Mattarella è stato organizzato un grandissimo forum economico a cui hanno partecipato molte società italiane e azere. E anche i rapporti culturali sono stati molto intensi, c'è stato un vero scambio culturale , abbiamo organizzato vari eventi i in Italia per promuovere e far conoscere la nostra cultura, compreso il centesimo Anniversario della fondazione della prima Repubblica dell'Azerbaigian. In questo contesto abbiamo avuto un bellissimo evento alla Galleria di Arte Moderna e un importante concerto al Palazzo del Quirinale. E nell'anno prossimo intendiamo continuare, sia a livello culturale che economico, oltre che politico: dobbiamo avvicinare le nostre società".

Dall'Italia all'Europa. L'Azerbaigian negozia un accordo globale con l'Unione europea, che è una realtà in grande cambiamento e anche, diciamolo, in chiara crisi.

"La politica estera dell'Azerbaigian è multivettoriale, un politica bilanciata, e l'Unione europea è una delle direzioni molto importanti della nostra politica estera. Noi abbiamo firmato con una decina di Paesi, anche con l'Italia, accordi di partenariato strategico. L'Ue, va sottolineato, per noi è il principale partner commerciale - e l'Italia in questo quadro è il nostro primo partner commerciale come singolo Paese- e questo è fonte di cruciali investimenti. Ora stiamo portando avanti una serie di progetti strategici che uniscono l'Azerbaigian all'Ue, anzi, non solo l'Azerbaigian, ma l'Asia con l'Europa: la nostra posizione geografica ci dà la possibilità di avere questo ruolo, che è fondamentale".

Quindi l'Europa rata per voi un punto di riferimento.

"Sicuramente".

Arriviamo al Nagorno Karabakh, regione al centro di un cosiddetto 'conflitto congelato' con l'Armenia, che sembra destinato a non avere fine. Posizioni apparentemente inconciliabili: lei vede una possibile soluzione?

"Purtroppo quest'anno fanno trent'anni dall'inizio di questo problema. Nei primi anni del conflitto il 20% del territorio azero è stato occupato militarmente dall'esercito dell'Armenia. E, di nuovo purtroppo, durante questi anni non abbiamo raggiunto la pace. Però la soluzione del conflitto certamente passa dal cambiamento dello status quo e affinché questo avvenga è importante che l'Armenia ritiri il suo esercito, le forze militari dai territori occupati dell'Azerbaigan. L'unica possibilità di risolvere questo conflitto è ripristinare l'integrità territoriale azera".

E infine il gasdotto Tap (Trans-Adriatic Pipeline) in via di costruzione, che deve portare il gas azero all'Europa e all'Italia, punto terminale del tracciato, causa di tante polemiche qui da noi. A suo avviso resta un progetto utile e necessario per l'Europa?

"Sicuramente tra i vantaggi di questo progetto c' è la diversificazione delle fonti energetiche, dell'approvvigionamento. Allo stesso tempo, essendo un progetto da quasi di 40 miliardi di dollari di investimenti, ha portato e sta portando importante sviluppo economico a tutti i Paesi coinvolti in questo corridoio, perché il Tap praticamente è l'ultima fase del corridoio meridionale del gas. Siamo soddisfatti che il progetto stia stiano andando avanti ed è importante finire questo progetto secondo il calendario previsto, quindi che il gas arrivi in Italia nel 2020".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, i lavori per il nuovo ospedale di Wuhan in timelapse. Video
Epidemia

Coronavirus, i lavori di costruzione del nuovo ospedale di Wuhan in timelapse. Video

Mentre non accenna a placarsi l'epidemia del Coronavirus, fervono i lavori di costruzione del nuovo ospedale di Wuhan, che sarà dedicato ai malati contagiati dal virus. Il video mostra in timelapse l'evolversi dei lavori (guarda anche questo video) per la struttura che dovrà essere ultimata entro lunedì 3 febbraio. Intanto l'Organizzazione mondiale della sanità si dice fiduciosa sulla possibilità ...

 
Francia, Brigitte Macron porta bimbi malati a Disneyland Paris

Francia, Brigitte Macron porta bimbi malati a Disneyland Paris

Parigi, 29 gen. (askanews) - La première dame francese Brigitte Macron e l'allenatore di calcio francese Didier Deschamps accompagnano un centinaio di bambini malati a Disneyland Paris. Brigitte è diventata presidentessa della Fondation Hopitaux de Paris - Hopitaux de France a sostegno della sanità. Ed è proprio in occasione del lancio di una raccolta fondi per gli ospedali che la signora Macron ...

 
Brexit, Parlamento Ue si mette a cantare per salutare i "britons"

Brexit, Parlamento Ue si mette a cantare per salutare i "britons"

Bruxelles, 29 gen. (askanews) - Momento da pelle d'oca e fine del gioco per Brexit: gli eurodeputati intonano la malinconica "Auld Lang Syne" per i britannici in partenza, mentre si preparano a firmare l'accordo di divorzio storico a soli due giorni dalla partenza del Regno Unito.

 
Sanremo, Amadeus accoglie Rula Jebreal. Primo giorno di prove sul palco del teatro Ariston

L'evento

Sanremo, Amadeus accoglie Rula Jebreal. Primo giorno di prove sul palco del teatro Ariston

Amadeus ha accolto sul palco del Teatro Ariston Rula Jebreal, che lo affiancherà nella conduzione del Festival di Sanremo. La presenza di Rula Jebreal nelle scorse settimane ...

29.01.2020

A Le Iene speciale su Chico Forti, l'italiano in carcere negli Stati Uniti: il video in anteprima

Televisione

A Le Iene speciale su Chico Forti, l'italiano in carcere negli Stati Uniti: il video in anteprima

Le Iene dedicano uno speciale al caso di Chico Forti, imprenditore italiano che nel 2000, negli Stati Uniti, è stato condannato all'ergastolo per l’omicidio di Dale Pike. ...

29.01.2020

Grande Fratello Vip, Pago favorito per la vittoria. Salgono le quotazioni di Paolo Ciavarro

Reality

Grande Fratello Vip, Pago favorito per la vittoria. Salgono le quotazioni di Paolo Ciavarro

Grande Fratello Vip, cresce il volume di scommesse sui possibili vincitori del reality di Canale 5. Se Pago resta il favorito a 4,00, a guadagnare terreno sono Paolo Ciavarro ...

29.01.2020