Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, a SkyTg24 parla Mattia Maestri "Paziente 1" italiano

Milano, 5 giu. (askanews) - "Ho scoperto di essere il 'paziente 1' solo una volta che ho preso in mano il mio smartphone. È lì che ho capito cosa fosse successo e cosa stesse ancora accadendo. Fino ad allora sapevo solo che ero stato ricoverato per una polmonite. Era ciò che mi avevano detto. Ma confesso che non mi pesa essere chiamato paziente 1. Sono il paziente che è stato certificato per primo. Non penso proprio di essere il paziente numero 1". Lo ha detto a Sky TG24 Mattia Maestri, il paziente 1 di Codogno (Lo), ne "Il Sopravvissuto" un intervista di Tonia Cartolano in onda, sabato 6 giugno, alle 14.30 su Sky TG24. "Penso oggi a un episodio capitato durante il mio secondo ricovero sorrido. Chiedo ad un operatore sanitario se potesse essere un caso di coronavirus e in dialetto mi risponde il coronavirus Cudogn Ensa nianche addu sta che significa il Coronavirus non sa neanche dove sia di casa Codogno e invece siamo stati l inizio di tutto". Quando racconterò questa storia a mia figlia Giulia voglio ringraziare "innanzitutto il dottor Bruno, il mio nuovo papà. Io ho perso il mio per questa malattia ma Bruno che mi ha salvato lo considero così. E poi la dottoressa Malara. È stato grazie al suo intuito e al suo coraggio che è stato scoperto il coronavirus. Mia moglie che mi è stata vicino anche se non poteva esserlo fisicamente. Ma c era. Lo so. E poi l arrivo di Giulia che ha coronato il percorso. Non potevo permettermi di non esserci e mia moglie e lei hanno aspettato che ci fossi anche io. Appena prima che mi addormentassero, proprio perché ancora non si sapeva che era Covid, ho avuto la possibilità di incontrare Valentina. Mi ricordo di aver accarezzato il suo pancione e di averle detto che avrei fatto di tutto per tornare".