Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Russia "perplessa" davanti all'invito di Trump al G7

Mosca, 1 giu. (askanews) - Non aveva fatto in tempo a riaversi dalla fine dell'egemonia russa nei lanci spaziali, causata dalla Crew Dragon di Musk agganciata all'Iss, che Mosca ha ricevuto un invito capace di lasciarla "perplessa": l'annuncio del presidente Donald Trump di voler invitare anche Vladimir Putin al prossimo incontro del G7, al momento rinviato a data da destinarsi. "Non conosciamo i dettagli di questa proposta, e neppure se si tratta di una proposta ufficiale", fanno sapere dal Cremlino. Vladimir "Putin è a favore del dialogo su tutto, ma per reagire a tale iniziativa sono necessarie ulteriori informazioni e non le abbiamo". Trump prima ha detto di voler tenere comunque il G7 a Camp David poi ha annunciato che avrebbe rinviato a data da destinarsi, per invitare altri Paesi a partecipare alla riunione, tra cui la Russia. Mosca è stata esclusa nel 2014 da quello che era allora il G8, dopo l'annessione della penisola di Crimea, non riconosciuta dall'Ovest e ha poi più volte sottolineato di non essere interessata a rientrarci, ritenendo più rappresentativo il G20. Inoltre l'invito è giunto nel week end del lancio della Crew Dragon, quando l'America ha ripreso la sua leadership nella cosmonautica, visto che il razzo è stato prodotto in America, è decollato con carburante americano e l'attuale amministrazione ha aiutato e assistito il tutto.