Cultura nella Milano del Coronavirus: ci salverà Franz Kafka?

In Fondazione Prada la mostra "K", aspettando la riapertura

29.02.2020 - 12:30

0

Milano, 29 feb. (askanews) - Riproponiamo, in questi giorni di vita culturale chiusa per ordinanza delle autorità sul Coronavirus, la videorecenzione della mostra inaugurata in Fondazione Prada a Milano poche ore prima dello scoppio dell'emergenza.

Tre momenti per comporre un ritratto, in assenza e ovviamente parziale, del più grande scrittore del XX secolo - ci assumiamo la responsabilità del giudizio - attraverso una grande installazione, un film e un album di musica elettronica. Fondazione Prada a Milano presenta la mostra "K" che ripercorre i tre romanzi incompiuti di Franz Kafka e definisce uno spazio culturale a tutto tondo, un luogo impossibile nel quale le logiche kafkiane (e quanto questo prezioso aggettivo è stato maltrattato dall'uso bislacco di generica angoscia che ne viene fatto) vengono ricomposte per frammenti, fino a costruire un unico grande labirinto dal quale sembra impossibile uscire, ma solo a causa della sua magnetica bellezza. "La cultura - ha spiegato ad askanews il curatore della mostra, Udo Kittelmann - non importa se stiamo parlando di letteratura, di musica o di arti visive, è, almeno io lo spero, ciò che fa pensare la gente".

Il percorso immaginato da Kittelmann per il pubblico parte dalla Cisterna di Fondazione Prada, dove in loop viene diffuso l'album "Franz Kafka The Castle" della band tedesca Tangerine Dream, tentativo dichiaratamente fallito di trasporre in musica "Il Castello". Ma è proprio il fallimento strutturale dell'impresa a mettere in evidenza la grandezza del romanzo kafkiano, un universo paradossale nel quale, comodamente seduti su coloratissime poltrone, riusciamo a entrare per vie impreviste, veicolate dal suono, e che ci permettono di riconoscere il volto del celebre protagonista, l'agrimensore K, niente meno che come il nostro stesso volto.

Spostandosi nel Podium della Fondazione si trova poi la grande installazione di Martin Kippenberger, "The Happy End of Franz Kafka's Amerika", ispirata al viaggio americano del giovane Karl Rossman, che Kafka, alla fine, fa approdare nel Grande Teatro dell'Oklahoma, dove ognuno viene reclutato solo per essere se stesso, e senza che venga richiesta alcuna altra qualità. Per Udo Kittelmann e per Kippenberger si tratta di una riflessione sull'estremismo capitalista e gli oggetti che compongono l'opera sono pensati come luoghi di colloqui collettivi, in fondo per essere ammessi al nulla della modernità. Con un cortocircuito tra la dimensione della finzione e della cosiddetta realtà.

"Queste opere possono mandare un messaggio a noi oggi, perché il mondo dai tempi di Kafka è cambiato - ha aggiunto il curatore -. E che sia fiction o non fiction, insomma, ogni buona opera di fiction è anche ottima non fiction. Dobbiamo, per esempio, pensare al significato oggi di America, che è certamente del tutto diverso da ciò che aveva in mente Kafka, ma anche da quello che noi pensavamo anche solo 10 o 15 anni fa. Io credo che tutti noi cerchiamo un happy end per l'America e con America stiamo intendendo il mondo intero".

Ultimo, ma ovviamente non ultimo, elemento della mostra è il film "The Trial" di Orson Welles, ispirato a "Il Processo", con Anthony Perkins nei panni di Josef K. Un'opera iconica, originale, debordante, incompiuta e grottesca, come il romanzo e come il suo regista. Ma capace di assurgere a livelli di evidenza assoluti, e ci piace ricordare che in inglese "evidence" significa "prova", in senso giudiziario. "L'incompiutezza della vita - ha concluso Udo Kittelmann - è la più grande questione filosofica sulla nostra esistenza. C'è un inizio e c'è una fine, ma non sappiamo da dove veniamo e dove andremo dopo quella che riteniamo essere la fine".

La mostra "K", con tutte le sue emozioni, resta aperta al pubblico in Fondazione Prada fino al 27 luglio.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus e Usa, Trump estende i provvedimenti sino al 30 aprile. Sono 135mila i casi positivi
L'EPIDEMIA

Coronavirus e Usa, Trump estende i provvedimenti sino al 30 aprile. Sono 135mila i casi positivi

Donald Trump allunga l'isolamento per combattere il Coronavirus. Il presidente degli Stati Uniti, dopo aver ascoltato le previsioni degli scienziati arruolati dalla Casa Bianca tra cui quelle del virologo Anthony Fauci secondo cui "i morti negli Usa saranno tra i 100 e i 200 mila", terrà gli americani a casa sino al 30 aprile. Altro che Pasqua, il 12 aprile, come data per "riaprire il Paese" come ...

 
Coronavirus, Ronaldo rinuncia a 10 milioni. Polemica in Portogallo: a spasso nonostante i divieti - video
CALCIO

Coronavirus, Ronaldo rinuncia a 10 milioni. Polemica in Portogallo: a spasso nonostante i divieti - video

Cristiano Ronaldo fa sempre notizia. Nel bene e nel male. Nelle ultime ore ha dato l'ok al capitano Giorgio Chiellini al taglio dello stipendio nel contratto in essere con la Juventus. Il portoghese dovrà rinunciare a oltre 10 milioni di euro sui 31 stagionali (l'accordo, clicca qui) e la notizia ha fatto il giro del pianeta. Così come ha scatenato polemiche in Portogallo la sua passeggiata a ...

 
Fauci (Usa): 200 mila morti in Usa e' una stima possibile, ma noi stiamo cercando di ridurla

Fauci (Usa): 200 mila morti in Usa e' una stima possibile, ma noi stiamo cercando di ridurla

(Agenzia Vista) Roma, 30 marzo 2020 Fauci (Usa) 200 mila morti e' una stima possibile ma noi stiamo cercando di ridurla La consueta conferenza stampa del Presidente Usa Donald Trump dalla Rose garden alla Casa Bianca a Washingon. Trump ha fatto il punto sulla lotta al Coronavirus. In campo una nuova terapia per la trasfusione di plasma da pazienti guariti dal coronavirus. Trump ha anche ...

 
Trump: Il picco dei morti in Usa arrivera' fra 14 giorni, estendiamo le misure fino al 30 aprile

Trump: Il picco dei morti in Usa arrivera' fra 14 giorni, estendiamo le misure fino al 30 aprile

(Agenzia Vista) Washington, 30 marzo 2020 Trump Il picco dei morti in Usa arrivera' fra 14 giorni, estendiamo le misure fino al 30 aprile La consueta conferenza stampa del Presidente Usa Donald Trump dalla Rose garden alla Casa Bianca a Washingon. Trump ha fatto il punto sulla lotta al Coronavirus. In campo una nuova terapia per la trasfusione di plasma da pazienti guariti dal coronavirus. Trump ...

 
Coronavirus, per Umbria jazz ci può anche essere un piano b. Parlano Carlo Pagnotta e Gian Luca Laurenzi del cda

Coronavirus

Umbria Jazz, spunta il piano B. Ma per ora nessuna disdetta

di Sabrina Busiri Vici “Per Umbria jazz stiamo lavorando come se tutto dovesse andare avanti. Per ora nessuna disdetta da parte degli artisti. Dopo Pasqua comunque si ...

30.03.2020

Coronavirus, Claudio Baglioni in una piazza San Pietro vuota come Papa Francesco. Il video è da brividi

Social

Claudio Baglioni come Papa Francesco in una piazza San Pietro vuota. Il video

Coronavirus e una musica che regala speranza. Claudio Baglioni in una piazza San Pietro, a Roma, deserta e suggestiva canta Fratello sole, sorella luna accompagnato solo ...

29.03.2020

Buon compleanno Terence Hill! Mario Girotti compie 81 anni. Da Trinità a Don Matteo, una carriera di successo

IL PERSONAGGIO

Terence Hill fa 81 anni 
Da Trinità a Don Matteo, una carriera di successo

Buon compleanno, Terence Hill. Compie 81 anni. L'attore, il cui vero nome è Mario Girotti, è nato infatti a Venezia il 29 marzo del 1939. Il padre, Girolamo, era originario ...

29.03.2020