Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Berlusconi, il totoministri: Tajani, Gasparri e tre alternative per Ronzulli. Mentana sbircia la lista: il video

Galeotta fu la foto con la lista dei ministri. Uno scatto rubato, mandato in onda da Enrico Mentana al tg de La7, rivela i cinque-sei nomi azzurri che Silvio Berlusconi immagina nella squadra del governo Meloni. Si tratta di Antonio Tajani, Anna Maria Bernini, Licia Ronzulli, Elisabetta Alberti Casellati, Maurizio Gasparri e Alessandro Cattaneo. Tutti segnati in una cartellina che il Cav ha portato con sé per il suo ritorno oggi al Senato dopo 9 anni dalla decadenza. Fonti azzurre raccontano che questa rosa corrisponda ai veri desiderata dell’ex premier, consegnati anche a Giorgia Meloni prima che scoppiasse il caso di Ignazio La Russa, eletto alla presidenza del Senato senza i voti di Forza Italia, ma grazie al soccorso dell’opposizione. Una votazione che in via della Scrofa ha fatto gridare al fuoco amico, avviando il processo all’alleato e allo stesso Cav, che in un primo momento avrebbe garantito il rispetto dell’accordo su La Russa-seconda carica dello Stato, per poi cambiare idea e sfilarsi. Secondo fonti parlamentari azzurre, le cose non sarebbero andate proprio così. Dopo l’incontro con Meloni alla Camera e prima dell’elezione del presidente del Senato, riferiscono, Berlusconi ha visto i suoi senatori per sondare gli umori e spiegare l’esito del colloquio con la presidente di Fdi. Con Giorgia abbiamo parlato anche dei nostri ministri e non capisco le ragioni dei suoi n, delle sue resistenze, avrebbe detto in sostanza il leader forzista, senza mai alzare la voce ma con tono fermo, esprimendo tutto il suo disappunto per i dubbi sollevati da Fdi, di fatto dei veri e propri veti, non solo sulla Ronzulli.