Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bonucci, il video di cosa è successo tra il difensore della Juve e il segretario dell'Inter nella finale di Supercoppa

La lite tra Leonardo Bonucci e Cristiano Mozzillo, segretario dell'Inter, ha fatto il giro del web e non solo. Il difensore bianconero e il dirigente nerazzurro sono entrati in contatto proprio alla fine della Supercoppa Italiana disputata ieri - mercoledì 12 gennaio 2022 - e vinta 2-1 proprio dall'Inter con un gol di Sanchez all'ultimo secondo dei tempi supplementari. Nelle ultime ore sono spuntati nuovi video della lite tra i due e il giudice sportivo si è pronunciato affibbiando una multa al difensore della Juve ma anche al club nerazzurro. Ma cosa è successo davvero tra Bonucci e Mozzillo? Sta infatti scorrendo l'ultimo minuto di gioco della finale di Supercoppa e dalla panchina della Juve viene dato l'ordine, ai giocatori in campo, di commettere un fallo tattico, così da permettere l’ingresso in campo di Bonucci, uno dei rigoristi della squadra. Le telecamere lo immortalano a bordo campo pronto per entrare, succede però che Alex Sandro combina un pasticcio in area, Chiellini e Rugani non sono sceltissimi a rimediare e Sanchez ne approfitta segnando il gol vittoria. Niente rigori, il trofeo va all'Inter. Mentre i nerazzurri esultano, le telecamere staccano pochi secondo su quanto sta succedendo a bordo campo con Bonucci faccia a faccia con Mozzillo. Nel video pubblicato da alcuni tifosi su Tik Tok si vede Bonucci strattonare Mozzillo Secondo le ricostruzioni, il segretario dell’Inter, dopo il gol di Sanchez, avrebbe detto ironicamente a Bonucci: "Dai, entra ora". Secondo quanto riportato da diverse testate, tra cui Il Tempo, il difensore bianconero a quel punto avrebbe urlato: "Non mi esulti in faccia, che c***o fai? Ti ammazzo". "Ma cosa fai?", gli avrebbe risposto poi Mozzillo, tirandosi indietro mentre è Landucci, vice di Allegri, a placare l'ira del difensore. Sui social - per ora - Bonucci non si è espresso sul caso che ieri è stato in tendenza su Google e Twitter, mentre si è espresso il giudice sportivo (Gerardo Mastrandrea) che ha comminato 10mila euro di multa al difensore per essersi reso "protagonista di un alterco con un dirigente della squadra avversaria che veniva dal medesimo strattonato: l’infrazione è stata rilevata da un collaboratore della Procura federale". Anche la società nerazzurra è stata multata: 5 mila euro per "avere omesso di impedire l’ingresso nel recinto di gioco di un dirigente non inserito in distinta che sostava nelle vicinanze della panchina avversaria".