Serpeggia il malcontento tra gli uomini dell’Immigration USA

Serpeggia il malcontento tra gli uomini dell’Immigration USA

27.11.2019 - 12:00

0

Non è una ancora rivolta, ma poco ci manca. Di giorno in giorno, infatti, negli USA si fa sempre più forte il malessere e lo scontento tra funzionari federali incaricati della gestione delle domande di asilo. La causa? Il programma “Remain in Mexico” in base al quale gli immigrati centroamericani debbono essere “rispediti” oltreconfine in attesa che i giudici statunitensi decidano in merito alle loro richieste. Il primo ad uscire allo scoperto è stato nei giorni scorsi Doug Stephens, un funzionario californiano che ha rassegnato le dimissioni in aperta polemica con una politica da lui definita “contraria alla morale del Paese e agli obblighi legali nazionali e internazionali”. In una intervista al Los Angeles Times ha spiegato che il programma imposto da Trump al presidente messicano Obrador mette sistematicamente a rischio la vita e l’incolumità dei profughi. Un atto di sfida all’apparenza isolato visto che secondo il portavoce del sindacato che rappresenta i 13.000 funzionari pubblici che prestano servizio presso gli uffici per l’immigrazione, oltre alla sua non si registrano altre dimissioni.

Ma la situazione appare meno tranquilla di quella descritta dalle autorità. Molte fonti di stampa, infatti, sostengono che negli ultimi mesi si sono moltiplicati i casi di funzionari addetti alle domande d’asilo che hanno chiesto il trasferimento o il pensionamento anticipato. E che queste scelte nasconderebbero una forma di ribellione alle politiche volute dalla Casa Bianca. Vale la pena ricordare che a giugno scorso il sindacato dei funzionari pubblici aveva impugnato davanti alla nona Corte d’Appello il programma “Remain in Mexico”. Denunciando l’amministrazione colpevole di imporre ai propri dipendenti la violazione di leggi federali e internazionali e di rinnegare il giuramento fatto sulla Costituzione di difendere “i deboli dalle persecuzioni”. Nell’attesa del pronunciamento dei giudici, gli impiegati governativi hanno scelto la via della protesta silenziosa. Che le dimissioni di Doug Stephens hanno fatto assurgere agli onori della cronaca.

La verità è che gli immigrati irregolari rispediti in Messico sono vittime di stupri, rapimenti e violenze di ogni genere. Eppure negli ultimi mesi quasi 60mila aspiranti rifugiati sono stati “delocalizzati” nell’inferno messicano ben conosciuto dalle autorità statunitensi. Prova ne è il fatto che il Dipartimento di Stato sconsiglia ai propri cittadini di recarsi nello Stato di Tamaulipas perché pericoloso tanto quanto la Siria e l’Iraq. Impossibile però squarciare questo velo di ipocrisia. Anche se, lontano da microfoni e telecamere, funzionari della Sicurezza nazionale riconoscono che il programma è stato ideato in vista delle elezioni presidenziali con l’obbiettivo di “alleggerire” la pressione dei richiedenti asilo al confine meridionale del paese.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Leucemia linfatica, rimborsata cura a durata fissa senza chemio

Leucemia linfatica, rimborsata cura a durata fissa senza chemio

Roma, 13 dic. (askanews) - Buone notizie per i pazienti affetti da leucemia linfatica cronica recidivante/refrattaria. L'Agenzia Italiana del Farmaco ha infatti approvato la rimborsabilità in Italia del trattamento farmaceutico Venclyxto - sviluppato dall'azienda biofarmaceutica AbbVie - più rituximab per il trattamento delle persone con questo tipo di leucemia, la più frequente forma di tumore ...

 
Il video della rissa televisiva tra Antonella Elia e Taylor Mega, volano insulti e parolacce
Televisione

Video La rissa televisiva tra Antonella Elia e Taylor Mega, volano insulti e parolacce

Furioso litigio tra Antonella Elia e le sorelle Taylor Mega e Giada, a La repubblica delle donne, la trasmissione Mediaset in onda su Rete 4 condotta da Piero Chiambretti. Antonella Elia critica frontalmente le due sorelle per l'esibizione di una "bellezza sfrontata". "A me - dice Elia - di vedere il vostro c... e le vostre t... non me ne frega un cavolo". Ovviamente scatenata reazione, in ...

 
Top model Emily Ratajkowski, tatuaggio contro Weinstein

Hollywood

Top model Emily Ratajkowski, tatuaggio contro Weinstein

Fuck Harvey: queste le parola che la top model Emily Ratajkowski si è fatta tatuare sul braccio sinistro. Un messaggio esplicito diretto al produttore cinematografico Harvey ...

13.12.2019

Mostra Raffaello Sanzio

CITTA' DI CASTELLO

Il genio di Raffaello rivive in una mostra

Dopo i fasti per i 100 anni della nascita del maestro dell’arte moderna e dell’informale Alberto Burri del 2015, il 2020 si prospetta altrettanto importante a Città di ...

13.12.2019

Il video della rissa televisiva tra Antonella Elia e Taylor Mega, volano insulti e parolacce

Televisione

Video La rissa televisiva tra Antonella Elia e Taylor Mega, volano gli insulti

Furioso litigio tra Antonella Elia e le sorelle Taylor Mega e Giada, a La repubblica delle donne, la trasmissione Mediaset in onda su Rete 4 condotta da Piero Chiambretti. ...

13.12.2019