Prima i sauditi si è rivelato un boomerang

Prima i sauditi si è rivelato un boomerang

07.08.2019 - 18:00

0

A Riad la politica del Prima i sauditi ha messo in ginocchio l’economia del Regno. Per capire questo classico caso di eterogenesi dei fini occorre riavvolgere il nastro al 2017. Quando per ridurre il tasso di disoccupazione tra gli autoctoni, schizzato al 12,9%, il governo dell’Arabia Saudita decise di cambiare la sua politica migratoria. Con l’obiettivo di svuotare il serbatoio di 12 milioni di immigrati (su un totale di 32 milioni di abitanti) che dal 1970 aveva attirato nell’industria edilizia, petrolifera e dei servizi alla persona. Per incentivarli a tornare a casa l’esecutivo wahabita decise di introdurre una tassa sui lavoratori dipendenti stranieri e il divieto di impiegarli in determinati settori.

Il vero grande problema è che oggi, 48 mesi dopo, l’operazione è riuscita alla grande. Tant’è che oltre 1 milione di immigrati ha fatto le valigie lasciando liberi altrettanti posti che, qui l’enorme imprevisto, nessuno dei disoccupati autoctoni ha voluto rimpiazzare. Per la semplice ragione che in quella che è dopo gli Usa la seconda meta mondiale per numero di stranieri in proporzione alla popolazione, i nuovi arrivati trovano sì occupazione ma come bassissima manovalanza a pessime condizioni retributive e di vita. Prova ne è il fatto che dal momento in cui entrano nel paese, le loro sorti, libertà di movimento inclusa, dipendono dai padroni sauditi che detengono, come strumenti di ritorsione, i rispettivi passaporti.

Il risultato è che adesso il governo non sa che pesci prendere. Se torna sui suoi passi, rischia di perdere credibilità e consenso tra i tanti sostenitori del Prima i sauditi. Ma se va avanti su questa strada deve fare i conti con la rabbia e la frustrazione dei disoccupati autoctoni che chiedono lavoro all’altezza delle loro aspettative. E con i tanti imprenditori che nonostante il ciclo economico assai poco favorevole (complice il crollo del prezzo del petrolio sotto i 55$ al barile) hanno bisogno di manodopera che non trovano.

Una disavventura, quella del governo saudita, forse utile ai tanti che in mezzo mondo, soprattutto occidentale, credono di dettare a colpi di norme e slogan tempi e modi delle dinamiche migratorie. Sottovalutando i desiderata di Sua Maestà il mercato.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Fondazione Enpaia, il presidente Piazza: "2018 anno complicato, ma positivo"

Fondazione Enpaia, il presidente Piazza: "2018 anno complicato, ma positivo"

(Agenzia Vista) Roma, 23 ottobre 2019 Fondazione Enpaia, il presidente Piazza: "2018 anno complicato, ma positivo" In sala Zuccari a Palazzo Giustiniani la presentazione della relazione annuale della Fondazione Enpaia, con il presidente Giorgio Piazza. Presenti Anna Rossomando, Vicepresidente del Senato della Repubblica; Pier Paolo Baretta, Sottosegretario al Ministero dell'Economia e Finanze; ...

 
Manovra, Durigon (Lega): "Per fortuna non dovrò più chiedere nulla a Juncker"

Manovra, Durigon (Lega): "Per fortuna non dovrò più chiedere nulla a Juncker"

(Agenzia Vista) Roma, 23 ottobre 2019 Manovra, Durigon (Lega): "Per fortuna non dovrò più chiedere nulla a Juncker" In sala Zuccari a Palazzo Giustiniani la presentazione della relazione annuale della Fondazione Enpaia, con il presidente Giorgio Piazza. Presenti Anna Rossomando, Vicepresidente del Senato della Repubblica; Pier Paolo Baretta, Sottosegretario al Ministero dell'Economia e Finanze; ...

 
Le prime immagini del nuovo film di Muccino "Gli anni più belli"

Le prime immagini del nuovo film di Muccino "Gli anni più belli"

Roma, 23 ott. (askanews) - Ecco le prime immagini ufficiali del nuovo film di Gabriele Muccino "Gli anni più belli", al cinema dal 13 febbraio 2020. E' la storia di quattro amici Giulio (Pierfrancesco Favino), Gemma (Micaela Ramazzotti), Paolo, (Kim Rossi Stuart), Riccardo (Claudio Santamaria), raccontata nell arco di quarant anni, dal 1980 ad oggi, dall adolescenza all età adulta. Le loro ...

 
Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Perugia

Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Encuentro trasloca. Il festival della letteratura in lingua spagnola lascia il centro di Perugia e si trasferisce a Isola Polvese. Non solo, le date si spostano da maggio a ...

21.10.2019

Sculture a tema, le quattro opere  realizzate

Eurochocolate

Sculture a tema, le quattro opere realizzate

Un grande grifo con un bottone tra gli artigli è la monumentale scultura realizzata da Stefano Chiacchella. Un bottone che diventa rosone nell’opera di Massimo Arzilli o che ...

20.10.2019

Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019