Il pugno duro con gli immigrati fa parte della storia Usa

Il pugno duro con gli immigrati fa parte della storia Usa

26.07.2019 - 18:00

0

Tra le molte ed in alcuni casi legittime ragioni per criticare la politica dell’immigrazione di Trump quella di condannarla perché estranea alla storia americana è sicuramente la meno convincente. Non solo perché se così fosse risulta davvero difficile spiegare perché, stando ai sondaggi, anche dopo l’incresciosa, deprecabile invettiva contro le 4 parlamentari democratiche di origine immigrata, l’indice di gradimento del Presidente tra i repubblicani si sia confermato addirittura superiore a quelli di Ronald Reagan con “morning in America” o di George W. Bush subito dopo l’attentato dell’11 settembre 2001 contro le Torri Gemelle di New York. Ma, soprattutto, capire le ragioni in primis culturali della vasta presa che essa esercita in molti settori sociali ed aree geografiche pur tra loro assai differenti del gigantesco continente americano.

La verità è che la questione dell’immigrazione e, con essa, quella dell’americanità, ossia dell’appartenenza al popolo americano, non sono nate con Trump. Ma hanno segnato, a fondo, molto a fondo, raggiungendo spesso livelli di durezza altrove sconosciuti, la storia dell’America fin dalla sua nascita. La prima legge sull’immigrazione, infatti, emanata nel 1790 consentiva l’acquisizione della cittadinanza USA solo agli immigrati bianchi. Per i neri si dovette attendere la ratifica costituzionale dell’emendamento 14 nel 1868, altri 30 anni per darla a quelli di origine cinese e per i nativi delle tribù indiane addirittura il varo dell’Indian Citizenship Act nel 1924. Ma non bastano queste semplici ma significative date per dimostrare che non ha senso dire che la “selective citizenship” proposta da Trump è estranea alla storia americana. Che infatti porta in sè il segno indelebile ed incancellabile dell’azione di Andriew Jackson. Presidente dal 1829 al 1837 duro, impulsivo fino alla brutalità, considerato un corpo estraneo dall’establishment dell’epoca ma amatissimo dai piccoli farmers dello sterminato midwest statunitense. A favore dei quali pensò bene di requisire i territori degli indiani ad Est del fiume Mississipi costringendoli ad un trasferimento talmente forzato da rimanere nella loro memoria come “il sentiero delle lacrime”.

Secondo Wikipedia la presidenza di Jackson (noi ci permettiamo di aggiungere prima di quella di Trump) rimane la più difficile da riassumere, spiegare e valutare. Per il biografo James Parton “era ad un tempo dittatore e democratico, un genio naturale seppur profondamente ignorante, la rappresentazione di Satana ma anche quella di un Santo”. E, dulcis in fundo, tra il 1948 ed il 2009 su 13 sondaggi di opinione condotti tra storici ed esperti di scienze politiche Jackson si è sempre classificato tra i primi 10 presidenti di tutti i tempi, o molto vicino ad essi.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Manovra, Gualtieri: lettera dell'Ue positiva, dialogo tranquillo

Manovra, Gualtieri: lettera dell'Ue positiva, dialogo tranquillo

Roma, 23 ott. (askanews) - "La Ue non contesta ma chiede chiarimenti sul fatto che noi riduciamo il debito, lo facciamo come giusto che sia attraverso un percorso più morbido, deve essere sostenibile sul piano economico". Così il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, a Orvieto a margine di una visita all'azienda Vetrya. "Già in passato l'Italia si è avvalsa della flessibilità di bilancio ...

 
Turchia, Castaldo (M5s): "Basta ricatti, chiudere processo di adesione a Ue"

Turchia, Castaldo (M5s): "Basta ricatti, chiudere processo di adesione a Ue"

(Agenzia Vista) Strasburgo, 23 ottobre 2019 Turchia, Castaldo (M5s): "Basta ricatti, chiudere processo di adesione a Ue" "Basta ricatti, chiudere processo di adesione della Turchia a Ue". Così l'europarlamentare M5s Fabio Massimo Castaldo, intervenuto dalla sede di Strasburgo del Parlamento Europeo. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Proteste in Bolivia, a fuoco la sede del Tribunale Elettorale di Santa Cruz

Proteste in Bolivia, a fuoco la sede del Tribunale Elettorale di Santa Cruz

(Agenzia Vista) Santa Cruz, 23 ottobre 2019 Proteste in Bolivia, a fuoco la sede del Tribunale Elettorale di Santa Cruz In fiamme a Santa Cruz la sede del Tribunale Elettorale durante le proteste per la vittoria alle presidenziali in Bolivia di Evo Morales. /courtesy Facebook Bryan Pardo Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Brexit, Sassoli: "Consiglio Ue accetti proroga al 31 gennaio"

Brexit, Sassoli: "Consiglio Ue accetti proroga al 31 gennaio"

(Agenzia Vista) Strasburgo, 23 ottobre 2019 Brexit, Sassoli: "Consiglio Ue accetti proroga al 31 gennaio" "Consiglio Ue accetti proroga per la Brexit al 31 gennaio". Così il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, intervenuto in seguito alla decisione del Parlamento britannico di accettare l'accordo proposto da Boris Johnson per la Brexit, senza però accelerarne i tempi. /courtesy Ebs ...

 
Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Perugia

Encuentro si trasferisce a Isola Polvese

Encuentro trasloca. Il festival della letteratura in lingua spagnola lascia il centro di Perugia e si trasferisce a Isola Polvese. Non solo, le date si spostano da maggio a ...

21.10.2019

Sculture a tema, le quattro opere  realizzate

Eurochocolate

Sculture a tema, le quattro opere realizzate

Un grande grifo con un bottone tra gli artigli è la monumentale scultura realizzata da Stefano Chiacchella. Un bottone che diventa rosone nell’opera di Massimo Arzilli o che ...

20.10.2019

Traffico rivoluzionatoper don Matteo

Spoleto

Traffico rivoluzionato
per don Matteo

Ultime due settimane di permanenza a Spoleto per il cast di Don Matteo 12. Le riprese nella città del Festival, che in questi giorni di metà ottobre sta ospitando numerosi ...

19.10.2019