Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La supercampionessa Tosti: "A 9 anni già vincevo"

Jessica Tosti

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

La prima volta del tiro a volo, la terza volta di Perugia (dopo Fiorucci e la Scricciolo), la seconda di una ragazza (dopo Jessica Scriccolo). Sono alcuni numeri che fotografano l'albo d'oro di Vota il Campione edizione 2014. A trionfare, quest'anno, è stta Jessica Tosti, atleta perugina (è di Colombella) non ancora diciottenne (lo sarà il 21 ottobre). A lei il premio di super campione, quello relativo al concorso dei lettori. In finale ha superato Matteo Galassi, calciatore dell'Eugubina (ma originario di Fossato di Vico). Gli inizi Jessica Tosti, campionessa di tiro a volo, comincia presto. Molto presto se è vero come è vero che già a 9 anni è in pedana fucile alla mano: “Per la verità non ce la facevo ancora a tenerlo in mano, ma...”. Ma? “...Già vincevo, ricordo che centrai in pieno il piattello”. E poi? “La passione era tanta che ho voluto proseguire fino ad arrivare alla prima gara ufficiale”. Nel Napoletano, vero? “Sì, avevo 14 anni. Ho vinto subito, una gioia immensa”. Da lì gli occhi degli addetti ai lavori su Jessica Tosti che un paio di anni dopo arriva in Nazionale: “Sì, a 16 anni ho potuto indossare la maglia azzurra per la prima volta, una grande emozione”. Dalla Fossa Olimpica al Compak Sporting Nel frattempo, una scelta di campo: “Ho iniziato nella Fossa Olimpica, poi sono passata al Compak Sporting, disciplina che mi diverte molto di più”. E sui campi di tiro a volo Jessica ha trovato anche l'amore. E' lì che ha conosciuto Lorenzo Belei, di Trestina, specialità Double Trap: “Ci siamo incontrati per la prima volta a Foligno, io ero già del mestiere da un po', lui era invece agli inizi. L'allenatore era lo stesso, Marcello Brighini, abbiamo cominciato ad allenarci insieme e poi da cosa è nata cosa...”. Così vi siete fidanzati: “Sì, qualche tempo dopo a Bergamo, prima di una gara”. Vota il Campione E l'esperienza di Vota il Campione? “Una bella competizione, è stata dura vincere, ma alla fine era quello che volevamo tutti”. Quindi, tante persone da ringraziare... “Certo, a cominciare da Roberto Sparnacini che ha sostenuto in maniera forte la mia partecipazione dandomi una grossa mano”. E con lui, altri...“Intanto la federazione di tiro a volo e il commissario tecnico Venerio Spada. Poi la mia famiglia con papà Stefano dal quale ho preso la passione per il tiro a volo”. Insomma, attorno a Jessica ha lavorato tutta una squadra di appassionati con in primo piano la famiglia composta dalla mamma Francesca e dalla sorellina Elena che ha compiuto 8 anni proprio in questi giorni. Per la giovane campionessa del tiro a volo perugino un totale di 4.105 tagliandi giunti in redazione con il suo nome su un totale complessivo di oltre 20mila. Nella finale con il calciatore Matteo Galassi l'ha spuntata grazie ai 2.517 voti contro i 1.225 giunti a nome del suo avversario.