Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Promozione, premio a Sciaboletta: "Me lo merito"

Michele Fratto
  • a
  • a
  • a

Uno Sciaboletta a tutto tondo, in procinto di ritirare il premio di miglior giocatore (è finito per ben 8 volte nel Top 11 del martedì) di Promozione nella serata di Vota il Campione, referendum del Corriere dell'Umbria, si mette a nudo ai nostri taccuini parlando un po' di sé ed un po' della magnifica annata appena conclusa. Ragazzo disponibile, attaccante di razza, Eros con i suoi 23 gol, è riuscito a strappare il titolo di capocannoniere della Promozione girone B. Navigato in tutta la regione, cambiando diverse maglie, quali quelle di Amc, Casteltodino e Todi, il numero 9 sembra avere trovato una personale stabilità alla corte del presidente Sandro Corsi, e dopo una stagione tra alti e bassi causa infortuni e squalifiche (riuscendo comunque a finalizzare 7 segnature) è esploso nel 2014 portando la sua compagine a pochi punti dai play off. L'ambiente verdeblù sembra calzare a pennello per Sciaboletta, e non è strano vederlo seguire anche il settore giovanile durante la settimana come un veterano. “Non è un caso se questa è stata la mia annata più prolifica - afferma il bomber -. Questo è un ambiente speciale per me e vorrei continuare a solcare questo campo per tanto tempo, soprattutto adesso che è stato appena rinnovato”. Il sorriso dell'intervistato conferma quanto di buono detto finora, e l'umore non cambia quando le domande si spostano sul premio imminente da ritirare. “Sono troppo contento e sinceramente mi ha anche spiazzato leggere la classifica finale. Penso di meritare il premio soprattutto per aver riscattato la precedente annata con la migliore da me giocata”. Arrivando a fine intervista a parlare di obbiettivi futuri, Eros tranquillamente li espone affermando che... “in due anni ho totalizzato 30 reti. Il mio obiettivo futuro è farne altri 20 in una stagione per raggiungere cifra tonda a 50 in tre anni. Certo, dopo il boccone amaro di quest'anno, preferirei qualche gol in meno a favore di un successo di squadra da festeggiare tutti insieme, che sia la vittoria del campionato o l'ingresso nei play off che a mio avviso avremmo più che meritato anche quest'anno. Un'ultima battuta vorrei spenderla per il nuovo impianto intitolato ad ‘Ovidio Laureti'. Riuscivamo ad imporre il nostro gioco sia a Marmore che al Terra Umbra ed avere un nostro nuovissimo impianto di ultima generazione non farà altro che spingerci a dare il meglio davanti al nostro pubblico”.