Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sir Conad, l'8 agosto si parte

Kovac

Luca Mercadini
  • a
  • a
  • a

Qualche giorno di vacanza per rigenerare fisico e mente ed in attesa di riprendere il timone della Sir Safety Conad Perugia. È questa l'estate del tecnico bianconero Boban Kovac. Un po' di sole e mare con la famiglia, ma sempre in stretto contatto con la società per pianificare in ogni minimo dettaglio la prossima stagione dei Block Devils nella “sua” Perugia, ormai una seconda casa per l'allenatore serbo “trapiantato” al PalaEvangelisti. Un'estate che finora ha visto la società del presidente Sirci molto attiva sul mercato per la costruzione del nuovo organico da mettere a disposizione di Kovac, la cui voce in capitolo è sempre stata molto importante per ogni scelta. Lo dice chiaramente proprio l'uomo di Veliko Gradiste: “Naturalmente di mercato abbiamo parlato molto alla fine della passata stagione, dei giocatori da confermare e di quelli da cercare di portare a Perugia. Naturalmente il presidente ed in generale la società e gli sponsor sono parte determinante in questo discorso, perché un conto sono i desideri di un allenatore ed un altro poi riuscire a metterli in pratica. Al di là di questo poi sono molto contento perché, in attesa di definire il ruolo del libero, sono in organico tutti giocatori che ho voluto io”. Il clou dell'estate sportiva, e quindi anche della pallavolo, sono certamente le Olimpiadi di Rio in programma dal 5 al 21 agosto. Ma il volley non si ferma mai e gli impegni ufficiali che già a settembre attendono la Sir Safety Conad impongono una programmazione immediata. Per questo Kovac ha già deciso, di concerto con la società e con il nuovo preparatore atletico Guazzaloca, l'inizio della preparazione: “Abbiamo deciso, visto che a fine settembre ci sarà già la Supercoppa (precisamente nel weekend del 24 e 25 settembre, ndr), di cominciare l'8 agosto. Naturalmente con chi è a disposizione quindi senza i nostri tanti nazionali. Che speriamo ovviamente di avere a disposizione il più presto possibile per poter lavorare al completo”.