Valle dei fuochi, appello ai parlamentari umbri

Piegaro

Valle dei fuochi, appello ai parlamentari umbri

10.05.2016 - 09:50

0

Una centrale elettrica che era stata costruita per durare 20 anni e ne ha “vissuti” 50, con il periodo tra gli anni '80 e 2000 in cui sono stati utilizzati combustibili (oltre alla lignite) la cui compatibilità con l’impianto andrebbe accertata, insieme alla funzionalità degli elettrofiltri che non sempre avrebbero assolto al loro compito. E ancora, emissioni prodotte anche da un’altra ciminiera “ad alto impatto”, attiva in quegli stessi anni in Valle. Le polveri diffuse nell’aria per oltre trent’anni dai siti industriali della Valnestore, le discariche di ceneri di carbone e lignite (4 milioni di metri cubi censite nei soli comuni di Piegaro e Panicale, per non contare le tonnellate non autorizzate sparse negli appezzamenti privati come ammendante o stabilizzante, ndr) mischiate a rifiuti solidi urbani e a scarti di natura non meglio precisata. Tutto questo con un tasso di incidenza delle patologie tumorali segnalato da più fonti - tra cui il registro tumori di popolazione - sopra la media. Ecco perché il comitato “Soltanto la salute” ha chiesto con una lettera scritta a tutti i parlamentari umbri (Gallinella e Ciprini dei cinque stelle si sono già mossi toccando anche il caso Fabro) di attivarsi col governo per chiedere un supporto: occorrono esami epidemiologici accurati, analisi approfondite, misurando ad esempio il grado di radioattività delle falde (connesso alle ceneri) e approntando carotaggi nelle zone dove sono state scoperte le discariche senza teli di protezione (né recinzioni e riambientazioni), dove non si sa di preciso cosa è stato smaltito e “percolanti” da circa 30 anni.
Ci sono discariche nei 180 ettari della Valnestore Sviluppo lasciate in completo abbandono con tanto di pozzetti di sfiato che lasciano pensare a rifiuti interrati per decine di metri. Date in affitto a privati che oggi, forse senza sapere cosa c'è sotto, vi coltivano di tutto. Un lago, nel perimetro dell’area della centrale, quello che gli abitanti chiamano “il lago nero” e senza vita ittica apparente, non accessibile al pubblico e non visibile dalla strada, si vede però chiaramente dalle mappe satellitari (basta accedere a Google earth), nessuno spiega perché quelle acque siano color antracite, ma forse lo sanno coloro che lì hanno operato in quegli anni e che presto potrebbero essere sentiti. Senonché il fenomeno inquinamento delle acque interesserebbe anche un segmento più a nord del Nestore, dove da cittadini presenti alle riunioni del comitato sono stati segnalati sversamenti di possibile altra natura, anche se non legati direttamente alla questione ceneri e rifiuti. Il comitato, nello specificare che nessuna denuncia è stata mossa nei confronti degli eventuali responsabili, chiede solo indagini serie e la verifica incrociata dello stato dell’ambiente e i possibili rischi della salute. Evitando allo stesso tempo di “coprire eventuali mancanze o responsabilità - è scritto in una nota - di aziende, presidenti, ex presidenti, ex sindaci, imprenditori, ex imprenditori e responsabili di partito che hanno pensato troppo ai loro interessi, dimenticandosi dell'interesse della collettività”. L'obiettivo è quindi eventualmente (ed esclusivamente) quello della messa in sicurezza e della bonifica, per restituire al territorio l’immagine che merita, un'area di pregio ambientale e agricolo che è stata utilizzata per decenni in modo forse troppo spregiudicato, anche in assenza all'epoca, va ricordato, di riferimenti normativi precisi in tema di smaltimento. Se ci sono responsabilità di altro genere lo dirà la magistratura: sul caso indaga ormai da più di un mese la procura della Repubblica, con gli accertamenti preliminari di rito. Un fascicolo nel quale affluiranno presto anche gli esiti delle analisi dell'Arpa, è stato aperto dal magistrato Paolo Abbritti. Nessuna novità sul fronte analisi è stata al momento resa nota, poiché su tutto verte il segreto istruttorio, se non la falda all'arsenico individuata nell'area sportiva di Tavernelle, che ha richiesto un immediato provvedimento da parte dell'amministrazione di Panicale. Tracce di inquinamento tangibili.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, Merkel lancia appello per un'Europa più forte

Coronavirus, Merkel lancia appello per un'Europa più forte

Roma, 6 apr. (askanews) - Uscita dalla quarantena dopo essere entrata in contatto con un dottore risultato poi positivo al Covid-19, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha lanciato un appello per "un'Europa più forte" nel corso di una conferenza stampa sulla pandemia del coronavirus che sta mettendo a dura prova il mondo intero. "Il punto è capire che anche la Germania - e l'ho ripetuto più ...

 
I vicoli di Frascati in timelapse. Osterie chiuse e nessuno in strada

I vicoli di Frascati in timelapse. Osterie chiuse e nessuno in strada

(Agenzia Vista) Roma, 06 aprile 2020 I vicoli di Frascati in timelapse. Osterie chiuse e nessuno in strada I decreti emanati dal Governo per fronteggiare l’emergenza coronavirus, hanno svuotato anche la cittadina simbolo dei Castelli Romani, Frascati. I vicoli sono vuoti e per le strade non passa nessuno Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Fraschette dei Castelli Romani chiuse, ci si prepara alla pasquetta in casa

Fraschette dei Castelli Romani chiuse, ci si prepara alla pasquetta in casa

(Agenzia Vista) Roma, 06 aprile 2020 Fraschette dei Castelli Romani chiuse, ci si prepara alla pasquetta in casa Il Governo ha deciso di prolungare le restrizioni fino anche alle giornate di Pasqua e Pasquetta e le fraschette rimangono chiuse. Ecco le immagini delle tipiche fraschette dei Castelli Romani con le saracinesche abbassate Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Jogging sul ponte di Boston nonostante le misure anti-covid

Jogging sul ponte di Boston nonostante le misure anti-covid

(Agenzia Vista) Boston, 06 aprile 2020 Jogging sul ponte di Boston nonostante le misure anti-covid Incuranti delle misure per combattere il coronavirus, tanti cittadini sul ponte di Boston a fare logging Fonte Twitter Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
L'ultima di Luis Sal, la pasta alla carbonara cucinata con i piedi. Il video diventa subito virale

Social

L'ultima di Luis Sal, la pasta alla carbonara cucinata con i piedi. Il video diventa subito virale

L'ultima di Luis Sal? Un video in cui cucina la carbonara con i piedi. Lo youtuber ha pubblicato il filmato che è immediatamente diventato virale: quasi un milione e 500mila ...

06.04.2020

Clizia Incorvaia, la trasformazione è sexy: il video in quarantena sui desideri dell'ex gieffina

Social

Clizia Incorvaia, la trasformazione è sexy: il video in quarantena sui desideri dell'ex gieffina

La sexy trasformazione di Clizia Incorvaia conquista il mondo social. Il video Tik Tok dell'ex gieffina, viene postato sulle storie di Instagram. Un account molto attivo ...

06.04.2020

Casa di Carta 4, Berlino canta Ti Amo al suo matrimonio: Netflix pubblica il video da karaoke

Televisione

Casa di Carta 4, Berlino canta Ti Amo al suo matrimonio: Netflix pubblica il video da karaoke

La Casa di Carta 4 è un vero e proprio condensato di emozioni. Durante la quarta serie accade praticamente di tutto di più e la tensione è sempre a mille, dal primo ...

06.04.2020