Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pd in Umbria, è caos interno in vista del congresso: subito tensioni sulle alleanze

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Congresso Pd, in Umbria tutti sono saliti sul carro di Bonaccini, con Tommaso Bori segretario regionale a guidare le danze. Poi la vicepresidente della Camera Anna Ascani. E lo zoccolo duro del partito. L’altra metà di Bori, la capogruppo a Perugia Sarah Bistocchi, sì è con Schlein ma gli addetti ai lavori sostengono che i due, fino a ieri inseparabili, starebbero marciando divisi per colpire uniti Sono uno contro l’altro ma in realtà sono ancora legati. Bori bene che vada avrà un’alleata in minoranza, male che vada (ma è improbabile) la sua delfina in maggioranza. Gli altri? Pare che i cuperliani soprattutto a Terni e Foligno stiano rubando pedine alla Schlein in particolare sulla scacchiera di una big come Marina Sereni. A proposito di Cuperlo: Walter Verini, tesoriere nazionale e membro della commissione di garanzia, che in quanto tale non può esporsi pubblicamente, è stato però visto alla sua presentazione. Insomma in Umbria Cuperlo - che intercetta anche ex dirigenti di rilievo - rischia di pesare più di Schlein. Il problema è sulle alleanze: il campo largo che preconizza Bonaccini non trova d'accordo il Terzo polo. I grillini attaccano. E' già tensione in vista di amministrative e regionali.

 

Servizio completo nell'edizione del 25 gennaio del Corriere dell'Umbria