Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, nuovo palasport: Bandecchi ha costituito la società per la gestione

Giorgio Palenga
  • a
  • a
  • a

Adesso c’è anche una società iscritta alla Camera di Commercio che ha già presentato la richiesta di inizio ufficiale dell’attività, poco prima di Natale 2022. E in ogni caso, seppure in maniera – per così dire – semplicemente “esplorativa”, ha iniziato a lavorare compiutamente alla gestione del PalaTerni.

O forse è il caso di chiamarlo PalaTernana, a giudicare dal nome scelto da chi mette i soldi, ovvero il patron della società rossoverde, Stefano Bandecchi.

 

 

E’ nata infatti la PalaTernana Eventi srl, con regolare atto di costituzione, capitale sociale di 10 mila euro, durata fino al 31 dicembre del 2070. Il socio unico è l’università Cusano. Nell’oggetto della società c’è “l’organizzazione di eventi sportivi in genere, a livello regionale, nazionale ed internazionale, nonché di convegni, congressi, meetings, conventions ed eventi in genere compresa l’organizzazione e la promozione di spettacoli teatrali/musicali, fiere, mostre e manifestazioni in proprio” e l’amministratore unico, manco a dirlo, è lo stesso Bandecchi.

Il quale, qualora dovesse diventare sindaco della città, come auspica, dovrebbe (dovrà in ogni caso) mettere nero su bianco anche con Palazzo Spada l’accordo che ha già raggiunto con il costruttore – la Salc di Salini – per la gestione dell’impianto per i prossimi 27 anni, per un importo di 5 milioni e 400 mila euro.

 

 

Bandecchi ha sempre sostenuto con forza che non ritiene possa ravvisarsi alcun conflitto d’interesse, anche se dovesse trovarsi nella situazione di apporre la sua firma in pratica due volte in uno stesso foglio, cioè come amministratore unico della società che gestisce un impianto comunale e come rappresentante dell’istituzione. Sempre qualora vincesse le elezioni, il suo obiettivo.  Intanto, comunque, PalaTernana Eventi ha sede legale (e operativa) in quella della Ternana, ovvero via della Bardesca 2, e sarebbe stato già individuato un responsabile e alcuni dipendenti. “Pago già degli stipendi a chi si sta occupando del palazzetto”, disse Bandecchi al Corriere dell'Umbria lo scorso 10 dicembre 2022.

Insomma, tutto pronto per dare fuoco alle polveri, ad iniziare di quello che dovrebbe essere il primo grande evento sportivo in calendario in ordine cronologico, ovvero i mondiali di scherma paralimpica in programma a ottobre 2023. Intanto i lavori proseguono e l’assessore ai lavori pubblici, Benedetta Salvati, li tiene d’occhio, a colpi di sopralluoghi.

A inizio anno, cioè pochi giorni fa, ha documentato via social lo stato dell’arte: “Sono all’opera tre piattaforme, una gru, due squadre di carpentieri, muratori, impiantisti, geometri e ingegneri tutti a lavoro con l'obiettivo di finire perché giugno si avvicina. Il montaggio delle gradinate è un'operazione molto accurata, ma si procede pure con le finiture interne e le urbanizzazioni esterne”.

[email protected]