Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Galleria della Guinza, il viceministro assicura: "Gara d'appalto entro giugno"

Carlo Stocchi
  • a
  • a
  • a

Galleria della Guinza: entro il 30 giungo 2023 sarà bandita la gara d’appalto per procedere poi con i lavori per adeguare la prima canna. Parola di viceministro. Lunedì 2 gennaio, infatti, il numero due del Mit (ministero per le Infrastrutture) Galeazzo Bignami, è stato a Mercatello sul Metauro in provincia di Pesaro Urbino per “vedere di persona le condizioni attuali” del cantiere. Ad accompagnarlo c’era il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, insieme ai sottosegretari Lucia Albano e Mirco Carloni e l’assessore regionale marchigiano, Francesco Baldelli. Davanti al traforo, il viceministro ha ribadito come “gli impegni si mantengono – ha detto - Il governo Meloni, dopo 30 anni di attesa, sblocca 150 milioni per riaprire la grande incompiuta” annunciando pure che è “un tratto strategico volto a collegare l’Adriatico con il Tirreno, che verrà realizzato in circa tre anni”.

Grazie al traforo, infatti, verranno messe in contatto l’Umbria e le Marche, un tragitto che è uno dei tratti fondamentali della E78, la Due Mari, che toccherà proprio i Comuni a nord dell’Altotevere e della Valtiberina. Il sottosegretario Lucia Albano ha voluto evidenziare come il completamento della Guinza “sarà cruciale per lo sviluppo delle aree interne e dell’Italia centrale tutta: consentirà un collegamento diretto tra Marche, Umbria e Toscana favorendo la crescita dei rispettivi territori, e tra la costa adriatica e quella tirrenica”. 

Concetto ribadito anche dall'altro sottosegretario, Mirco Carloni, che ha parlato di “un’opera che permetterà il rilancio turistico ed economico del centro Italia”, evidenziando – dopo aver ringraziato il ministro alle Infrastrutture, Matteo Salvini, e Riccardo Augusto Marchetti, membro della commissione Trasporti - che il viceministro alle Infrastrutture e trasporti, Galeazzo Bignami, “ha confermato che i 150 milioni che il governo ha stanziato per la Guinza permetteranno la sua apertura entro tre anni”. Il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, prima ha ricordato gli ultimi fondi stanziati dal governo: “Oltre 82 milioni di euro necessari per completare il fondo di 150 milioni per l’adeguamento e l’apertura della prima canna” e poi ha affermato che “il viceministro ci ha rassicurato sui tempi che dovrebbero vedere bandita la gara d’appalto entro il 30 giugno, per procedere poi con i lavori”.  Il presidente ha quindi commentato: “Dopo decenni finalmente un fatto concreto per il quale voglio ringraziare il governo”. 

Dalle Marche, dunque, una notizia piena di speranze anche per l’Umbria e la Toscana.