Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, lo shopping di Natale parte bene

  • a
  • a
  • a

"Un avvio tutto sommato positivo, anche leggermente migliore rispetto allo scorso anno”: Carlo Petrini, presidente Federmoda Umbria, si dice ottimista. “Le previsioni non erano confortanti - ammette - il bombardamento di notizie cui ogni giorno siamo sottoposti sul caro bollette e le problematiche collegate certo non sembrava doverci aiutare. Invece, stiamo riscontrando un clima positivo. Le città sono quasi tutte illuminate e piene di eventi, la gente ha voglia di distrarsi, come dimostrano i 12 milioni di italiani in vacanza per il weekend dell’8 dicembre. A invogliare lo shopping - rimarca Petrini - anche il fatto che stiamo vendendo con prezzi di listino che non risentono degli aumenti. Si vendono bene gli accessori, cappelli, guanti, sciarpe e cinture. Per i capi più importanti, invece, molti aspettano i saldi”. Gianluca Munzi, titolare del negozio di abbigliamento Il Conte di via Roma, a Terni, conferma. “Presto per fare bilanci ma questo avvio di shopping sta andando meno peggio del previsto. Quest’anno - aggiunge - la gente si è mossa in anticipo anche per i regali, c’è molta attenzione per la qualità”.

 

 

 

 

Massimiliano Baccari, titolare del negozio di abbigliamento sportivo Otis moda e sport a Castiglione del Lago evidenzia che dopo due anni di pandemia e costrizioni, la gente ha voglia di uscire da casa. “Siamo fiduciosi e contenti - dice - fiduciosi perché gli incassi stanno tenendo e contenti perché se tengono ora che siamo appena partiti con lo shopping di Natale, è probabile che l’andamento resti positivo. Per quanto riguarda Castiglione del Lago - aggiunge - l’esperienza che stiamo vivendo attraverso l’associazione Eventi e l’albero più grande su acqua non ha precedenti: tantissimi, anche i turisti, che affollano la città in questo periodo di festa”. Anche a Perugia il clima è all’insegna dell’ottimismo. “Il tempo non favorisce di certo lo shoppping e il terrorismo che i tg ogni giorno ci riservano non aiuta - evidenzia Sergio Donati - nonostante questo l’avvio dello shopping è positivo. C’è molta fiducia”.

 

 

 

 

Roberto Ranieri, titolare del negozio Faina calzature di San Martino in Campo, Perugia, spiega che ad acquistare sono soprattutto i clienti che possono permettersi di spendere. “La massa - dice - ancora non si è vista”. Sottotono, invece, il Natale a Città di Castello. “L’incidente costato la vita a quattro ragazzi ha inevitabilmente condizionato il clima di festa - presidente del consorzio Pro Centro - Abbiamo tenuto spente le luci in segno di lutto e di rispetto per le famiglie coinvolte, la nostra comunità si è stretta nel dolore. Ma vogliamo essere anche portatori di un messaggio di speranza: la vita deve andare avanti. Da domani (oggi, ndr) le luci si riaccenderanno e partiranno alcuni piccoli eventi che erano stati previsti per questo periodo. Dobbiamo ripartire, insomma. Nonostante tutto”.