Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria: Gubbio, torna a splendere l'Albero dei record

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

La governatrice dell’ Umbria, Donatella Tesei era il testimonial dell’accensione 2022 dell’albero di Natale più grande del mondo a Gubbio. Costretta a dare forfait per via di malanni di stagione, è toccato al vice presidente della Regione, Roberto Morroni “dare luce” al gigante buono che il 7 dicembre alle 19.18 in punto è tornato a brillare su Gubbio e sul mondo. Resterà acceso fino all’8 gennaio. “Il grande albero - hanno detto sintonizzati sulla stessa lunghezza d’onda Morroni, il sindaco Filippo Stirati e il vescovo Luciano Paolucci Bedini - è il grande simbolo di una piccola regione che però è capace di mettere in campo grandi eventi. E’ un grande messaggio ed è il simbolo dell’attaccamento alle tradizioni e il senso di comunità che anima Gubbio e l’Umbria, ed è messaggero di pace, speranza e concordia”. Collegati i media dai cinque continenti tra cui la Cgtn, televisione cinese che manderà in onda un servizio che sarà visto da centinaia di milioni di telespettatori.

 

 

 

L’Albero di Natale più grande del mondo è nato dall’intuizione dell’artista eugubino Enzo Grilli che nel 1980 accese la prima stella nell’orto della Basilica di Sant’Ubaldo e l’anno successivo durante una cena che organizzò nel convento dei frati, promosse insieme a un gruppo di amici la sua realizzazione.
L’Albero per la sua struttura nel 1991 è stato inserito nel Guinness dei Primati. Ha una base di 450 metri, per oltre 750, 1000 metri quadrati di superficie, 250 luci per la stella cometa sulla Rocca, 300 luci della sagoma dell’Albero, 400 all’interno della sagoma, 7 chilometri e mezzo di cavi, 1350 prese per le connessioni di cavi e punti luce, 35 i Kw necessari ad accendere tutte le luci. 

 


Nel corso degli anni l’albero è stato acceso da vari personaggi tra cui il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano (2012), Papa Benedetto XVI (2011) e Papa Francesco (2014), il Custode di Terra Santa Padre Francesco Patton dalla grotta della Natività di Betlemme (2019). Prima dell’accensione è stato ricco il programma a iniziare dallo spettacolo da piazza Grande con i giochi di luci con i droni per illustrare una meravigliosa fiaba. E poi il gruppo itinerante “The White Carols Christmas Street Band” che, dalle 18, ha coinvolto i presenti con musiche natalizie. A seguire, l’esibizione musicale - voce e chitarra - dei fratelli Sara Jane e Paolo Ceccarelli, con Ubaldo Gini e Silvia Procacci a condurre il salotto. Tra i protagonisti delle testimonianze il presidente del comitato Albero di Natale più grande del mondo, Giacomo Fumanti e l’ex presidente Danilo Sannipoli. Tra gli ospiti anche il prefetto di Ancona Darko Pellos, eugubino d’adozione avendo sposato una nostra concittadina e Alessandro Piccini sindaco di Cantiano, Comune tra i più colpiti dall’alluvione del 15 settembre (alle popolazioni marchigiane è dedicata la stella cometa). E poi l’esibizione degli Sbandieratori di Gubbio, la presenza del corteo storico dei Quartieri cittadini e i Balestrieri.