Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Nico, Natasha, Gabriele e Luana: chi erano i ragazzi morti nel drammatico incidente stradale

  • a
  • a
  • a

Uno schianto nella notte. Quattro vite spezzate. Ecco chi erano i ragazzi morti nell'incidente sulla strada che da Città di Castello conduce a Sansepolcro. Natasha Baldacci, 22 anni, si era diplomata nel 2019 dall'Itis, sezione Amministrazione finanza e marketing e aveva iniziato a lavorare da poco in un ufficio di una assicurazione proprio nel comune tifernate. Si occupava di assicurazioni ed era considerata molto affidabile. Il responsabile dell'ufficio la ricorda come una ragazza responsabile e posata: non era mai mancata un giorno, né mai era entrata fuori orario. Aveva una passione sfrenata per la palestra, dove andava ogni momento libero e dove aveva tantissimi amici e conoscenti. La ventiduenne era legata a Gabriele da qualche mese.

Gabriele Marghi era uscito nel 2019 dal Patrizi-Baldelli-Cavallotti con il diploma e adesso lavorava in una azienda di costruzione di macchine agricole a Trestina. Appassionato di calcio, tifoso del Milan (era tesserato al Milan Club della Valtiberina) e aveva un trascorso come giocatore fra le fila del Riosecco calcio, dove lo ricordano come un ''ragazzo d'oro''. ''Una persona meravigliosa'' ha detto la dirigente scolastica Marta Boriosi. ''Uno dei ragazzi che, nonostante era concluso il ciclo di studi, ancora aveva rapporti con i docenti..''

Nico Dolfi aveva deciso di proseguire gli studi. Era iscritto all'Università degli Studi di Perugia. Si era diplomato tre anni fa al liceo linguistico Città di Piero a Sansepolcro, dopo di che la voglia di continuare la sua formazione, con l'iscrizione a Economia nell'ateneo umbro. Era patito del calcio, membro dell'Inter club della Valtiberina, e giocava a pallavolo: negli ultimi tempi si era dedicato alla squadra del Trestina Volley, dove aveva ricoperto anche ruoli di staff. Sempre disponibile con tutti, era un punto di riferimento nella società sportiva altotiberina. Nico aveva una forte simpatia per Luana, la più giovane del gruppo.

Luana Ballini, la ragazza di 17 anni, la più giovane. Frequentava l'Itis di Città di Castello, dove era anche la rappresentante degli studenti. Un impegno in prima persona a scuola come lontano dalle lezioni. La preside, professoressa Valeria Vaccari, ha detto che l'intero istituto è ''Sconvolto dalla tragedia'' e che ''sono andata nella classe che frequentava Luana dicendo ai ragazzi che se volevano potevano tornare a casa e che per oggi le lezioni sarebbero state sospese, ma nessuno di loro è voluto andare''. Come a non voler spezzare quel filo invisibile che lega i compagni di classe alla 17 enne.