Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria: Assisi, Avis nella scuola guida per reclutare donatori

Flavia Pagliochini
  • a
  • a
  • a

Imparare a guidare ma anche a donare il sangue. E’ l’iniziativa dell’Avis Assisi che, forte dei buoni risultati ottenuti nel 2022 con già oltre mille donazioni, vuole coinvolgere i diciottenni che frequentano la scuola guida. In totale si possono raggiungere una quindicina di nuovi studenti al mese, nella speranza che qualcuno diventi donatore, senza dimenticare che anche le scuole aderiscono alla campagna, con gli studenti maggiorenni: è il caso di cinque allievi dell’Istituto Alberghiero di Assisi (Lucrezia, Luisa, Margherita, Priscilla e Samuele) che nei giorni scorsi hanno “messo il braccio” per cinque donazioni.

 

Quanto all’iniziativa in autoscuola, “Al compimento del 18° anno di età ci si affranca da alcuni limiti; si conseguono il diritto /dovere di voto, il diritto alla guida di un’auto, il diritto-piacere di donare”, spiega il presidente dell’Avis Gianmatteo Costa. Sulla scia di questo ragionamento, l’Avis Assisi ha chiesto all’autoscuola di Giampiero Casciola di partecipare alla campagna di sensibilizzazione consentendo l’uso dei propri locali per un momento di promozione della donazione di sangue ai propri allievi. In circa 10 minuti, si viene informati su cosa sia la donazione di sangue, su quali ne siano i vantaggi per la comunità ma anche per se stessi: “Verifica del proprio stato di salute, possibilità di conseguimento di crediti formativi, e non solo, ben possono conciliarsi con il permettere a qualcuno che non si conosce e che si trova in difficoltà di continuare a sorridere”.

 

L’appuntamento con la scuola guida diverrà mensile. Anche per questo Costa “ringrazia la sensibilità dell’autoscuola e tutte le altre associazioni: l’unione fa la forza ed ogni goccia è importante”. A novembre 2022 sono stati 873 i donatori per Avis, di cui 635 attivi, con 1.012 donazioni. Sono arrivati a 873 (attivi 635), contro i 793 del 2021 e i 694 del 2020, anche se nel 2019 erano 979. Fanno ben sperare anche i nuovi donatori: sono 42 a fine ottobre, più 55 rientrati, erano 62 nel 2021 e 63 nel 2020.