Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, minimetrò: approvato il bando per la cessione delle quote

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Minimetrò, c’è il bando per la cessione delle quote del Comune. La determina che dà il via al bando di alienazione è stata approvata ieri. Con l’atto l’amministrazione stabilisce di “procedere, secondo le indicazioni della delibera numero 1 del 2022 del consiglio comunale all’alienazione al prezzo a base d’asta di 11.181.483,60 euro delle azioni detenute in Minimetrò spa con procedura rispettosa dei principi di pubblicità, trasparenza e non discriminazione mediante pubblicazione di apposito avviso mediante il metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa”.

 

 

 

 

 

Il Comune cede così il 70% delle quote della società e il 30% resta a Metro scarl. L’operazione è finalizzata a sanare il bilancio di Palazzo dei Priori. Si prevede infatti di “acquisire un introito – stimato in 4 milioni di euro - che andrà a beneficio del saldo di cassa, con minori interessi passivi sull’anticipazione di tesoreria ed inoltre contribuirà a migliorare il risultato di amministrazione quale copertura del cosiddetto disavanzo tecnico”. Verranno inoltre generati “risparmi sulla spesa corrente a titolo di corrispettivo del servizio di gestione dell’infrastruttura”. 

 

 

 

 

 

 

 

Gli atti propedeutici alla vendita sono partiti nel 2018 e dopo quattro anni si arriva al bando. Le quote, inizialmente stimale in oltre 12 milioni, sono state rivalutate al ribasso da un perito. Ha inciso in questo senso anche la crisi Covid. Ma chi potrà partecipare alla gara? Nel rispetto delle direttive statutarie la cessione dovrà essere riservata solo a favore di “una società di capitali che, per l’oggetto, offra la possibilità di fornire direttamente servizi qualificati o tecnologie ricompresi fra quelli previsti nell’oggetto sociale” (in sostanza un “socio industriale”) e il socio privato di Minimetrò, che è anche socio industriale, potrà esercitare il diritto di prelazione.