Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria: Spoleto, derubata dipendente tabaccheria

  • a
  • a
  • a

Terzo furto ai danni di donne in meno di un mese a Spoleto. Stavolta nel mirino dei ladri è finita la dipendente di una tabaccheria di viale Marconi anche lei derubata della propria borsa mentre si trovava già in auto all’incirca all’orario di chiusura dell’attività. I fatti risalgono alle 19.30 di sabato scorso, ma se ne è avuta notizia soltanto ieri. In base a quanto è stato possibile ricostruire, la donna era risalita in macchina dopo una giornata di lavoro e, come è abitudine di molte, aveva appoggiato la borsa accanto a sé e si stava apprestando a fare per manovra quando, all’improvviso, qualcuno le ha aperto lo sportello anteriore lato passeggero. In pochi istanti un uomo ha infilato un braccio nell’abitacolo, ha afferrato la borsa della signora ed è scappato, facendo perdere le proprie tracce con ogni probabilità aiutato da un complice che lo attendeva nelle vicinanze a bordo di un’auto.

 

Fortunatamente per la tabaccaia il furto con destrezza su cui indagano i carabinieri non ha avuto conseguenze se non lo spavento per l’incursione del ladro, comunque durata soltanto pochi secondi. Il colpo ai danni della donna, in ogni caso, non sarebbe stato particolarmente proficuo, perché la vittima del furto, almeno nell’immediatezza, ha riferito di non avere con sé grandi somme di denaro, come spiegano dalla caserma dell’Arma, anche se ovviamente in borsa aveva smartphone, carte di credito, documenti di identità ed effetti personali. Sul caso indagano i carabinieri del capitano Teresa Messore che hanno compiuto i rilievi sul posto, ascoltato la vittima e acquisito alcune registrazioni di telecamere di videosorveglianza privata presenti in zona. 

 


Il furto ai danni della dipendente della tabaccheria è nelle modalità molto simile a quello patito una ventina di giorni fa dalla titolare di un negozio della stessa zona. La sessantenne era in quel caso risalita in auto dopo aver chiuso l’attività, ma aveva la borsa ancora sulle proprie gambe quando il ladro le ha aperto lo sportello e gliela ha strappata, scappando con l’aiuto di un complice che lo aspettava a motore acceso per la fuga. Sia per le modalità, che per i tempi e l’area in cui sono avvenuti i furti, è possibile che ad agire siano stati in entrambi i casi gli stessi ladri, ma le indagini sono ancora in corso e impegnano anche gli uomini del commissariato. Risale alla tarda serata di venerdì scorso, invece, il tentato scippo compiuto nella parte alta del centro storico ai danni di una sessantenne che camminava da sola in via Monterone. La signora è riuscita a trattenere a sé la borsa, ma è caduta e per questo ha riportato lievi lesioni al volto e agli arti inferiori. I ladri in questo caso sono fuggiti a piedi tra le vie del centro e secondo alcune testimonianze si trattava di giovanissimi.