Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, denunciato per violenza sessuale sulla figlia minorenne

  • a
  • a
  • a

Si terrà il 30 novembre l’udienza in cui verrà conferito l’incarico a uno psicologo che dovrà valutare la capacità di testimoniare di una ragazzina minorenne, la cui madre ha denunciato l’ex marito per il reato di violenza sessuale nei confronti della figlia. Secondo la provvisoria accusa che è stata formulata dalla Procura della Repubblica di Terni, l’uomo - assistito dall’avvocato Ubaldo Minelli - sarebbe responsabile di violenza sessuale nei confronti della figlia minorenne, all’epoca dei fatti 11enne e affetta da disturbi cognitivi. Gli episodi di cui si tratta si sarebbero verificati nel corso del 2019 in provincia di Terni. 

 

 

 

 

Secondo quanto è emerso dalla ricostruzione accusatoria la donna ha denunciato il marito 58enne, da cui si sta separando dopo che già il Tribunale dei minori gli aveva sospeso la responsabilità genitoriale. Non sarebbe peraltro la prima denuncia sporta contro il coniuge. L’uomo, per il tramite del suo legale, l'avvocato Ubaldo Minelli, si dice assolutamente estraneo alle accuse che gli vengono mosse dalla donna e dalla Procura della Repubblica. 

 

 

 

 

Intanto il sostituto procuratore, che è titolare del fascicolo in questione, ha chiesto che la minore venga ascoltata con la formula dell’incidente probatorio e con tutte le cautele del caso. Sarà un interrogatorio protetto proprio per non turbare la minore che sarà chiamata a ricostruire i fatti di cui è accusato il padre. Il gip di Terni, Simona Tordelli ha accolto la richiesta che è stata presentata dal sostituto procuratore della Repubblica e ha disposto che, prima di acquisire la testimonianza della ragazzina, venga effettuata una perizia psicologica volta proprio a stabilire la capacità della minorenne di poter testimoniare sui fatti che si sarebbero verificati e che la mamma ha messo nero su bianco in una querela. Proprio per questo motivo, il 30 novembre prossimo, verrà conferito l’incarico alla dottoressa Elisabetta Lilla Proietti.