Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, due imprenditori rinviati a giudizio per truffa aggravata

  • a
  • a
  • a

Due imprenditori ternani di 56 e 68 anni sono stati rinviati a giudizio nel corso della giornata di mercoledì 16 novembre dal gip del Tribunale, Simona Tordelli, per l'ipotesi di reato di truffa aggravata in concorso ai danni di Sviluppumbria, una società pubblica il cui capitale è quasi interamente di proprietà della Regione dell'Umbria e che ha come scopo quello di favorire le attività imprenditoriali sul territorio.

I due erano stati indagati dalla Procura della Repubblica di Terni, che ne ha chiesto il rinvio a giudizio, a seguito del lavoro investigativo che è stato condotto dalla guardia di finanza ternana. Le fiamme gialle hanno acquisito una corposa documentazione a sostegno delle tesi della pubblica accusa. Secondo gli inquirenti, i due imprenditori - titolari di distinte attività - si sarebbero accordati per far ottenere all'imprenditore 56enne un mutuo agevolato, con fondi dello Stato e dell'Unione europea, per un importo complessivo pari a 253.750 euro.

Il tutto sarebbe avvenuto attraverso l'emissione di otto fatture per operazioni inesistenti, da parte del 68enne, che avrebbero poi consentito all'altro imprenditore ternano di documentare l'acquisto fittizio di un macchinario nuovo, in realtà usato, e di accedere così al beneficio messo a disposizione da Sviluppumbria. Un sistema messo a punto nei minimi dettagli e che, secondo l'autorità giudiziaria, tale da configurare a carico di entrambi l'ipotesi di truffa. Il processo inizierà il prossimo 16 marzo di fronte al giudice monocratico Francesca Scribano. L'imprenditore che avrebbe beneficiato del mutuo, pur non avendone diritto, è assistito dall'avvocato Marco Gabriele. L'altro professionista è difeso dagli avvocati Bruno Capaldini e Marco De Pascalis. Sviluppumbria sarà nel processo come parte civile e in quella sede sarà rappresentata dall'avvocato Marco Vergari. A questo punto spetterà alle difese dimostrare l'infondatezza delle accuse a carico degli imputati nel corso del processo che si aprirà prossimamente a Terni.