Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Foligno, vandali danneggiano gli arredi di Agribistrò

  • a
  • a
  • a

Dehors distrutto e duemila euro di danni al ristorante Agribistrò di piazzetta Beata Angela a Foligno. Quello della notte di sabato 15 ottobre è solo l’ultimo di una lunga serie di atti vandalici che hanno coinvolto l’attività di Lorenzo Mancinelli, il quale oltre che con il rincaro dei prezzi e l’appuntamento mensile con le bollette, da quasi sette mesi deve fare i conti anche con qualche teppista che non dà pace al suo ristorante.

 

 

Pallonate contro tavoli, sedie, stoviglie fino a colpire qualche cliente, fiori rubati, bottiglie di vetro lanciate contro le vetrine del locale, arredi del dehors danneggiati, compreso il muretto della stessa piazzetta, fino all’ultimo episodio che si è consumato sabato quando Mancinelli ha trovato distrutta una parte dello steccato costruito per delimitare lo spazio in cui ospita la sua clientela. Gli autori sarebbero degli adolescenti, ormai noti al titolare e ai suoi dipendenti, e soliti frequentare la piazzetta giocando a pallone ai quali più volte avrebbero chiesto invano di non calciare la palla contro il dehors, soprattutto in presenza di clienti. Ma alle ripetute richieste sarebbero seguiti quelli che Mancinelli ha definito veri atti di rivalsa.

 

 

“E’ iniziato tutto a marzo – racconta – in vista dell’estate avevo deciso di ampliare lo spazio esterno chiedendo un’ulteriore concessione di suolo pubblico e così ho cominciato a investire per abbellirlo con uno steccato in legno, piante, fiori, ma dopo tre giorni hanno cominciato a distruggere tutto. Ogni giorno c’è stato qualcosa da riparare, così ho smesso di acquistare nuove cose. Una sera – continua – il ristorante era pieno e hanno iniziato a lanciare contro le vetrine bottiglie di vetro, un’altra volta hanno distrutto un tavolo scaraventandolo contro la porta, poi hanno spaccato una sedia. Io c’ero e li ho visti, li ho anche segnalati alle forze dell’ordine e poi ho sporto denuncia. Io e i miei dipendenti ci abbiamo discusso più volte e sono arrivati a presentarsi in 20 nel mio ristorante minacciandoci. Uno di loro ha puntato contro una mia dipendente un bastone”.