Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Attigliano, coltiva canapa indiana. Operaio denunciato dai carabinieri

  • a
  • a
  • a

Un 59enne di Attigliano è stato denunciato a piede libero per la coltivazione e la detenzione di sostanze stupefacenti. L’operazione è stata possibile grazie al costante ed incisivo impegno messo in campo dai carabinieri e rivolto alla prevenzione ed alla repressione del consumo e dello spaccio di droga. I militari dell’aliquota operativa del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Amelia, coadiuvati dai carabinieri della stazione forestale di Amelia, nei giorni scorsi hanno ritrovato e posto sotto sequestro, nelle campagne del comune di Attigliano, una pianta di canapa indiana in piena infiorescenza e coltivata in un vaso. Un uomo del posto, 59enne, incensurato, è stato sorpreso dai militari mentre stava andando ad annaffiare la pianta (nella foto). Nei giorni precedenti, gli uomini dell’aliquota radiomobile, nel corso di un ordinario servizio di controllo del territorio, avevano notato qualcosa di strano spuntare attraverso la finestra di un casolare non abitato.

Sono stati così disposti dei servizi di osservazione nei pressi della costruzione, che hanno portato al ritrovamento della pianta. La conseguente perquisizione domiciliare ha consentito di recuperare nell’abitazione dell’uomo altri quattro grammi della stessa sostanza. 

L’operaio è stato così denunciato a piede libero all’autorità giudiziaria competente per la coltivazione (sanzione penale) nonché segnalato alla Prefettura di Terni, con sanzione amministrativa, per la detenzione dello stupefacente ritrovato nella propria abitazione, il cui consumo è da ritenersi per uso personale. Le indagini comunque sono destinate a proseguire per accertare i fatti in tutti i dettagli. Non è la prima volta che i carabinieri si imbattono in coltivazioni fai da te realizzate in provincia di Terni. In alcuni casi le sementi vengono trovate su appositi siti internet dove si possono reperire anche dei veri e proprio manuali di istruzioni. Poi le piante di canapa indiana vengono coltivate in serre mantenendo una temperatura costante. Ma si tratta di un'attività illecita che viene perseguita penalmente.