Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Politica in Umbria, slitta ancora l'assegnazione dei seggi: restano in ballo Squarta e Leonelli

Esplora:

Ale.Ant.
  • a
  • a
  • a

Non è scritto ancora l’ultimo capitolo del romanzo Viminale. Bisogna attendere sabato o domenica per l’assegnazione definitiva dei seggi al Parlamento. Il giorno decisivo doveva essere ieri ma il riconteggio è più difficile del previsto per la differenza tra i voti inseririti sul sito dell’Interno Eligendo e i numeri computati direttamente dai verbali delle singole sezioni dalla Cassazione. Si prende tempo per evitare ulteriori errori, oltre quello già effettuato e corretto sulle percentuali di +Europa.

Proprio chi ha scoperto la topica, Michele Guaitini dei Radicali, sostiene come anche nel 2013 ci furono sbagli in quel caso mai corretti. “In attesa dei verdetti della Cassazione - fa sapere Guaitini - previsti pare tra sabato e domenica (come mai questo slittamento sui tempi ?), mi sono ricordato che anche con la precedente legge elettorale, il Porcellum, il Ministero prima e pure la Cassazione poi, sbagliarono ad applicare la legge nel 2013 e il famigerato flipper. Con il risultato che in Umbria Walter Verini ha usurpato un seggio cui non aveva diritto”.

Tornando all’oggi, sempre secondo Guaitini nel cuore verde “ci sono ancora speranze per Squarta, Leonelli e (poche) per la Alessandrini. Non possono dormire sonni tranquilli la Polidori e la Pavanelli. Apparentemente nessuna chance per Spinelli. Per quanto riguarda gli umbri candidati fuori regione, rischia Marchetti della Lega (nelle Marche) e può sperare Elisabetta Piccolotti di Avs (in Puglia)”.