Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, nubifragi in tutta la regione. Grandine a Perugia

  • a
  • a
  • a

Maltempo in tutta l’Umbria. Le prime criticità sono state segnalate nella serata di giovedì 29 settembre a Foligno, poi nell’area dello Spoletino e a Trevi. Neppure Terni è stata risparmiata dai fenomeni temporaleschi. Il maltempo si è abbattuto venerdì 30 su Perugia con un violento temporale, intorno a mezzogiorno, accompagnato da forte vento e grandine di grosse dimensioni e in serata i fenomeni si sono spostati anche nell’eugubino. A Pietralunga è tornato l’incubo, dopo l’alluvione del 15 settembre. Impressionante anche la nube a imbuto, caratteristica della formazione di un tornado, filmata nella zona tra Pianello e Piccione.

 

 

Da Umbria Meteo, nel primo pomeriggio venerdì è arrivata la comunicazione che il peggio era passato nel Sud della regione, in via di miglioramento le aree centrali mentre nelle zone a Nord erano previsti ancora forti temporali. Così il bollettino degli esperti intorno alle 15,25: “In quest'ultimo settore della regione abbiamo un ramo della corrente a getto e alta umidità a tutte le quote atmosferiche che favoriscono la formazione di cumulonembi e forti precipitazioni - riporta la nota nel profilo Fb - mentre nel sud sta risalendo aria asciutta che limita la formazione di nubi. Il radar e il satellite sembrano confermare queste nostre ipotesi. Continuiamo comunque a monitorare e aggiornare”. L’allerta diramata dal centro funzionale decentrato della Regione è rimasta infatti di tipo arancione fino alle 24. Le previsioni di oggi indicano un miglioramento ma l’allerta rimane gialla per forti temporali sparsi.

 

 

Centinaia sono stati gli interventi nella giornata di ieri dei vigili del fuoco sia nel capoluogo di regione che nelle frazioni vicine. A Villa Pitignano, area colpita nell’agosto del 2021 dall’alluvione, è tornato l’incubo: in via Sella non ha funzionato il sistema di deflusso delle acque tant’è che fango e acqua si sono riversati nelle strade. Danni ingenti anche nel comune di Corciano e nella frazione di Strozzacapponi. Le richieste arrivate alla sala operativa dei vigili del fuoco hanno riguardato allagamenti, alberi caduti e rami pericolanti. La grandinata ha causato danni anche alle auto. La situazione ha creato forti disagi alla circolazione e in città il traffico si è paralizzato nell’area di Fontivegge e in zona Settevalli. Gran parte dei quartieri cittadini hanno visto le strade diventare torrenti da Lacugnano a San Sisto, dove è caduto un grande albero nell’area verde, fino ad arrivare al centro storico dove l’acqua scendeva vorticosamente verso la zona sottostante. Nell’area di Pian di Massiano l’area del percorso verde è stata inondata dall’esondazione del torrente Genna, anche in questo caso con forti disagi al traffico.

 

 

Il persistere del maltempo continua ad aggravare anche la situazione delle imprese. Confcommercio Umbria ha perciò rivolto un appello alla presidente della Giunta regionale Donatella Tesei perché attui provvedimenti urgenti per sostenere le imprese colpite e, in alcuni casi, letteralmente in ginocchio. “La nostra preoccupazione”, scrive il presidente di Confcommercio Umbria nella sua lettera indirizzata alla presidente Tesei, “è amplificata dalla fase terribile che sta attraversando l’economia nel suo complesso, già vessata dagli aumenti energetici fuori controllo e dall’inflazione sulle materie prime. La situazione è decisamente grave. Ovviamente non parlo delle imprese dei soli settori da me rappresentati, ma di quelle di tutti i settori perché l’alluvione non ha fatto sconti a nessuno”.