Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Orvieto, accordo per ridurre costi dell'energia e inquinamento

  • a
  • a
  • a

Riduzione di 206 tonnellate di anidride carbonica, risparmio energetico di 152 mila kWh/anno per il Comune di Parrano e 255.500 per il Comune di San Venanzo, aumenti solo del 5,83 per cento grazie ai meccanismi contrattuali di adeguamento del servizio. Sono questi i risultati prodotti nel 2022 dalla gestione privata degli impianti di illuminazione pubblica dei due Comuni dell'Orvietano. I dati sono stati resi noti dai sindaci Valentino Filippetti e Marsilio Marinelli che parlano di “risultato significativo, in linea con il lavoro che si sta portando avanti per realizzare la green community dell’Umbria etrusca”.

I due amministratori locali sottolineano il fatto di aver instaurato un sistema che ha consentito ai due Comuni di trovarsi preparati all’impennata dei prezzi “dovuta – spiegano - alle congiunture internazionali e anche alle speculazioni in corso”. Un'iniziativa che dunque potrà essere portata ad esempio anche in altre realtà territoriali umbre e non soltanto.

I risultati sono stati sottolineati nel corso della riunione del tavolo di concertazione (nella foto) previsto dall’accordo fra le due amministrazioni civiche e la società privata che gestisce da un anno gli impianti e che ha investito 700 mila euro proprio per l’ammodernamento della rete. “I Comuni –spiegano sempre i due sindaci, Valentino Filippetti e Marsilio Marinelli - sono stati messi al sicuro dagli imprevisti riconducibili alle calamita naturali. Soltanto a Parrano nell’ultimo nubifragio un fulmine ha bruciato 30 alimentatori e diversi corpi illuminanti.  Questa iniziativa –sottolineano infine - è il primo passo per un processo ancora più ampio che vede le due amministrazioni impegnate nell’avvio e nella nascita delle comunità energetiche che offrono la possibilità di produrre e condividere l’energia elettrica che viene prodotta con fonti rinnovabili”. In questo modo ci si propone di raggiungere un duplice obiettivo: ridurre i costi energetici e nello stesso tempo anche le emissioni inquinanti legate all'anidride carbonica.