Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria, olio: produzione in recupero ma i costi saranno in rialzo

  • a
  • a
  • a

La produzione di olio è in recupero e in leggero rialzo rispetto all’anno scorso che però era stata una stagione fortemente negativa. Giulio Mannelli, presidente Aprol Umbria, parla di un + 15% rispetto al 2021 che però, evidenzia, aveva registrato un - 35% rispetto alla produzione media. “Una piccola ripresa, dunque - spiega - nonostante i tanti problemi legati alla siccità che avevano fatto preannunciare una stagione disastrosa. Ma le piogge di agosto e il clima rigido che si registra in alcune ore del giorno stanno facendo riprendere vigore alle olive che si presentano piuttosto bene. Solo in alcune zone è stata segnalata la mosca olearia ma è ancora presto per capire l’entità del fenomeno”.

 

 

 

Per Mannelli, generalmente annate come questa hanno regalato un prodotto di buonissima qualità. Un’analisi che viene pienamente condivisa da Albano Agabiti, presidente Coldiretti Umbria. “La siccità aveva fatto temere anche un dimezzamento della produzione - spiega - invece sia la quantità che la qualità sembrano essere salve”. Al momento le olive sembrano belle e sane mentre per le rese ci sarà da aspettare le prime frangiture. Agabiti, invece, pone l’accento sul rialzo dei costi che andrà sicuramente a influire sul prezzo del prodotto finale. I rincari vanno dal + 170% dei concimi al + 129% per il gasolio nelle campagne, mentre il vetro costa oltre il 30% in più rispetto allo scorso anno.

 

 

 

 

 

 

Si registra, inoltre, un incremento del + 35% per le etichette, del 45% per il cartone, del 60% per i barattoli di banda stagnata fino ad arrivare al 70% per la plastica. “I frantoi in particolare sono molto energivori - spiega Agabiti - e stimiamo solo da qui un costo aggiuntivo al quintale tra i 4 e 5 euro. Questo andrà a incidere, volendo fare una stima molto approssimativa, per circa 50 centesimi a bottiglia. Nell’olio di ottima qualità, come quello umbro, probabilmente il rincaro sarà di un 5-6% a bottiglia. Ma al momento si tratta solo di una stima”.