Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Letta a Perugia, il residence Chianelli chiude le porte: "No durante la campagna elettorale"

  • a
  • a
  • a

Domani, giovedì 22 settembre, Enrico Letta sarà a Perugia insieme al segretario regionale del Pd, Tommaso Bori. “Bilanci disastrati, personale insufficiente tra pensionamenti e mancate assunzioni, chiusura di interi servizi e nessuna programmazione sanitaria, zero investimenti, liste d’attesa chilometriche e prestazioni bloccate. Dopo nemmeno tre anni, il governo della destra in Umbria è stato capace di trascinare la sanità umbra nel caos, che mette a repentaglio un diritto universale dei cittadini, sancito anche dalla Costituzione: quello alla salute. Ne parleremo giovedì mattina, alle 11 davanti all’azienda ospedaliera di Perugia, insieme al segretario nazionale del Partito Democratico, Enrico Letta". Inizialmente era prevista anche una visita al comitato per la vita Daniele Chianelli, ma l'idea di Bori e Letta è stata respinta dallo stesso Comitato.

 

 

“Ho appena appreso dai giornali locali la notizia secondo la quale l’onorevole Enrico Letta verrà a Perugia e nell’ambito della sua visita voglia conoscere la realtà del residence Daniele Chianelli - dice il presidente Franco Chianelli - Vorrei precisare che la nostra associazione si è sempre distinta per avere un rapporto corretto e leale con le istituzioni. Pertanto, rispetteremo anche in questa occasione, come successo in 32 anni di attività, la nostra totale estraneità a qualsiasi colore politico in particolare in un momento delicato come quello della competizione elettorale. In altri tempi, ma sempre fuori dalle elezioni politiche, abbiamo ricevuto e riceveremo esponenti di qualsiasi partito politico".

 

 

"La proposta di visitare insieme al segretario nazionale Enrico Letta il comitato per la vita Daniele Chianelli non aveva alcuno scopo elettorale o strumentale, bensì l’intento di far conoscere una realtà virtuosa e di assoluta eccellenza, da sempre valorizzata da tutte le istituzioni locali e nazionali - ha quindi spiegato Bori - Mi dispiace l’interpretazione che se ne è data e spero che si possa organizzare presto, subito dopo il voto, una nuova occasione di incontro".