Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Narni, furti in appartamento: proprietari scoprono i ladri mentre forzano la porta e li mettono in fuga

Cesare Antonini
  • a
  • a
  • a

Paura, spavento e anche tante ore di sonno perse per una famiglia narnese residente nella zona di Santa Lucia, in provincia di Terni, che ha ricevuto una visita di una banda di topi d’appartamento alle 3 di giovedì scorso, 13 settembre. Fanno rimanere sbalorditi anche le modalità di operazione di questi ladri che, fortunatamente, i padroni di casa sono riusciti a mettere in fuga dopo essersi svegliati in piena notte da forti rumori che provenivano dal piano di sopra.

 

I malviventi, di sicuro improvvisati e poco scaltri, hanno pensato bene di scardinare il portone del piano di sopra della casa presa di mira. Siamo nel cuore del quartiere di Santa Lucia e non in una zona isolata. L'abitazione in questione si raggiunge girando a sinistra prima della celebre Madonnina, una piccola cappella del quartiere presa da tutti come punto di riferimento. Gli edifici in questa zona sono fitti, attaccati, anche se si tratta di palazzine unifamiliari.

In pieno sonno, quindi, la famiglia narnese vittima del blitz ha sentito dei forti colpi provenire dal secondo piano. Svegliato di soprassalto e con un grande spavento in corpo, uno degli inquilini ha preso coraggio ed è scattato al livello superiore dell’abitazione mettendo in fuga i ladri.

Per fortuna non avevano violato l’ingresso altrimenti il narnese e i delinquenti sarebbero potuti trovarsi faccia a faccia. I padroni di casa, guardando fuori cosa succedeva, si sono resi conto che un palo era in zona e osservava il colpo da fuori.

 

 

Alla fine la banda si è data alla fuga a bordo di una Fiat Seicento. Particolare che potrà essere molto utile per gli inquirenti e per cercare di risolvere l’ennesima denuncia verso ignoti a caccia di questi ladri ormai diventati sfrontati, temerari e senza più ritegno. Tutti questi colpi andati a vuoto possono far pensare che non si tratti di professionisti.

Preoccupa - e parecchio - però, la frequenza con cui si registrano questi tentativi.  Qualcuno dei banditi è stato anche individuato, ma a Guadamello-San Vito le razzie continuano mentre, sempre a Santa Lucia, una narnese ha subìto il secondo tentativo di furto dell’auto parcheggiata sotto casa nel giro di un paio d’anni.