Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Elezioni in Umbria, ok delle prefetture alle schede

  • a
  • a
  • a

Sono state pubblicate dalle prefetture di Perugia e Terni le tre schede elettorali per i due collegi della Camera e il collegio unico del Senato, in vista del voto politico del 25 settembre. Intanto a fine agosto c’è stato un incontro per stabilire regole e modalità della campagna elettorale. “Scopo della riunione - è scritto nei verbali del summit - presieduta dal viceprefetto vicario della prefettura di Perugia Nicola De Stefano, è il raggiungimento di un accordo diretto ad assicurare che la propaganda elettorale per le suddette consultazioni si svolga nel rispetto delle vigenti disposizioni, garantendo parità di trattamento tra le forze politiche ed uniforme disciplina sul territorio”.

 

 

Particolarmente dettagliato il capitolo sulle zone in cui poter svolgere i comizi. In particolare nel capoluogo “si conviene fin d’ora di individuare, analogamente a quanto già concordato in occasione di precedenti consultazioni elettorali, quali piazze principali piazza IV Novembre, piazza della Repubblica, piazza del Bacio. Si concorda di non utilizzare piazza Italia in quanto caratterizzata da particolare intensità di traffico veicolare. La prenotazione di piazza IV Novembre comporta automaticamente la possibilità di utilizzazione alternativa della sala dei Notari, se la stessa non è occupata per altre necessità (in alternativa può essere richiesta la sala Sant’Anna o altri spazi che saranno resi disponibili dal Comune. Non consentito il contemporaneo svolgimento di comizi fra piazza IV Novembre e piazza della Repubblica. In tal caso la richiesta di utilizzare piazza IV Novembre prevale sull’altra”.

 

 

Dal giorno antecedente quello della votazione, e quindi dalle ore 00:01 di sabato 24 settembre 2022 e fino alla chiusura delle operazioni di voto, “sono vietati i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta e indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, le nuove affissioni di stampati, giornali murali e manifesti. Il giorno della votazione, stop a ogni forma di propaganda elettorale entro il raggio di 200 metri dall’ingresso delle sezioni elettorali".