Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Trasimeno, albero si schianta su una imbarcazione a Sant'Arcangelo

Nicola Torrini
  • a
  • a
  • a

La buona notizia che ieri l’altro il Senato abbia impegnato il Governo alla nomina del Commissario straordinario per il contrasto alla siccità, misura che quindi dovrebbe avere ricadute positive anche sul Trasimeno, non ha del tutto rasserenato gli animi tra gli addetti ai lavori. Complice anche un incidente che si è verificato allo sbarco dei pescatori a Sant’Arcangelo di Magione, l’amministratore delegato della Cooperativa pescatori del Trasimeno, Valter Sembolini, è tornato a chiedere con forza “interventi immediati” per il lago. 

 

 

“Adesso basta – ha dichiarato pubblicamente Sembolini nella giornata di ieri –, non abbiamo l’acqua e ci cadono gli alberi addosso. Dragaggi, manutenzione, cura del territorio e investimenti per chi ci lavora e crea economia sostenibile. Oggi non è in pericolo solo l’esistenza del Trasimeno, ma anche quella delle persone che tutti i giorni ci vivono”. “Ben vengano i commissari – ha specificato quindi l’Ad della cooperativa –, ma servono investimenti immediati prima che tutto finisca”. Una nuova forte presa di posizione, insomma, che arriva a seguito del fatto che proprio ieri un albero sia caduto sopra un’imbarcazione di un pescatore, al momento dell’incidente fortunatamente vuota. “Un segnale dello stato di abbandono in cui versano le sponde del Trasimeno” ha amaramente commentato la vicenda Sembolini, affermando anche come gli ultimi 50mila euro stanziati dalla Regione per riaprire gli accessi ormai interrati delle darsene dei pescatori rappresentino “solo una goccia sul mare degli interventi necessari. Attendiamo da oltre due mesi le operazioni di manutenzione, rimozione delle alghe e dragaggi, ma pochissimo è stato fatto. In questa situazione il nostro lavoro risulta quasi impossibile, abbiamo enormi difficoltà anche solo a uscire dalle darsene”.

 

 

Intanto, come detto, nella giornata di martedì il Senato della Repubblica ha trasformato in Ordine del giorno impegnativo l’emendamento 13.0.2, di cui primo firmatario era il senatore Luca Briziarelli, originario di Passignano sul Trasimeno. Ordine del giorno che impegna il Governo a nominare un Commissario straordinario per il contrasto della siccità. “Un fondamentale punto di partenza anche per il lago – ha spiegato lo stesso Briziarelli – perché al Commissario sarà assegnato un compito specifico: poter disporre interventi immediati di pulizia del bacino, di dragaggio e di adduzione”. D’altronde, proprio la complessità burocratica per dare il via a questi interventi rappresenta una delle cause dei ritardi per la manutenzione e che sono stati denunciati da Sembolini.