Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, all'Ast slitta l'incontro tra il presidente Arvedi e i sindacati

Esplora:

  • a
  • a
  • a

"L'amore fa la differenza. E anche una fabbrica come l’Acciaieria si può gestire con amore”. Il presidente dell'Ast, Giovanni Arvedi parla del tema centrale della serata al teatro di Carsulae, l’amore, che gli è valso l’ambito riconoscimento del San Valentino, ma che può essere declinato in molti altri modi. Il cavaliere ringrazia per l’invito e si congratula con gli organizzatori dell’evento che - afferma - “è riuscito molto bene, sotto tutti i punti di vista”. Ma poi sono le vicende di viale Brin a prendere il sopravvento. E le preoccupazioni non mancano. “La congiuntura attuale, a livello internazionale - osserva il presidente Arvedi - è preoccupante anche per noi. Ma ci siamo attrezzati tutti insieme per affrontarla al meglio. E con il grande spirito di squadra che contraddistingue l’Acciaieria ternana. Sono certo che alla fine usciremo da questa situazione. E’ bene che il governo intervenga sul problema del caro energia e dell’approvvigionamento delle materie prime.

Occorre fermare - avverte - le attuali speculazioni che si aggirano sui 900 euro al Kwh e gravano anche sui nostri operai. Il costo dell’energia è eccessivo. Dobbiamo invertire la tendenza al più presto”. Intanto nei prossimi giorni Arvedi e i sindacati torneranno al tavolo del confronto. L’incontro urgente, convocato per mercoledì 31 agosto per testare la situazione e le ripercussioni sulla produzione, è saltato. L’azienda ha ritenuto opportuno un ulteriore approfondimento. E resta sotto esame l’ipotesi di un prolungamento delle fermate in alcune aree. Confermato invece l’incontro di domani con un faccia a faccia tra i dirigenti Scordo e Castano e i rappresentanti dei lavoratori. Si parlerà soprattutto del premio di risultato proposto dall’Ast. E poi si farà il punto sulle prossime mosse dell’azienda di viale Brin (nella foto). Sullo sfondo il rinnovo delle rappresentanze sindacali unitarie che devono ancora insediarsi. Tornando alla cerimonia di lunedì 29 agosto, il sindaco, Leonardo Latini, che ha consegnato il premio ad Arvedi, ha tenuto a sottolineare che “il nuovo proprietario di Ast ha compreso fin da subito i valori della nostra città, in particolare l’attaccamento al lavoro e l’umanità delle famiglie ternane. Il premio che gli è stato conferito è di sicuro uno stimolo affinché il gesto d’amore nei confronti di Terni e delle Acciaierie continui, si sviluppi e dia ottimi frutti. La suggestione della serata di Carsuale può lasciare impresso questo proposito: se cresce l’amore, cresciamo come comunità.

Bellezza e amore non sono mai disgiunte”. Non è passata, comunque, inosservata la proposta del presidente di Confcommercio, Stefano Lupi, di promuovere un comitato scientifico con tutti i vincitori del premio San Valentino dalla sua istituzione, 31 anni fa, ad oggi. Il regista della manifestazione Folco Napolini, ha parlato di “un nuovo miracolo del Santo dei ternani. Abbiamo accolto la prima uscita pubblica del cavalier Arvedi in una cornice suggestiva e con un parterre di ospiti illustri. Ciò dimostra - afferma - che di San Valentino si può parlare tutto l’anno, non solo a febbraio. E con degli eventi destinati a lasciare il segno. Continueremo con ancora più slancio su questa strada”.