Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, cercano di forzare la porta dell'obitorio. Aperta un'indagine, saranno visionate le immagini

  • a
  • a
  • a

A Perugia inquietanti segni di effrazione sono stati segnalati sulla maniglia della porta dell’obitorio del Santa Maria della Misericordia. A dare l’allarme sono stati gli addetti della cooperativa che si occupa del servizio alla camera mortuaria. La Procura come atto dovuto ha aperto un fascicolo per danneggiamento. Nell’obitorio sono presenti anche i cadaveri in attesa di autopsia e sotto sequestro. Non di rado ci sono anche gli effetti personali delle salme esposte per i parenti. Gli accertamenti sono finalizzati a individuare i soggetti che hanno tentato invano di entrare nella notte tra martedì e mercoledì. All’esterno del Santa Maria della Misericordia non mancano le videocamere, che saranno visionate dagli operatori. Ma sopra la porta della camera mortuaria manca una telecamera di sorveglianza. Il fascicolo aperto al momento è contro ignoti. La questione sicurezza all’interno dell’ospedale è un tema che si ripresenta con cadenza regolare: nei mesi e negli anni scorsi non sono mancati furti e rapine all’interno del nosocomio e nel parcheggio. Per questo l’azienda ospedaliera ha stipulato da anni un contratto con un istituto di vigilanza per monitorare accessi e reparti. All’ospedale è presente anche un posto fisso di polizia che si occupa di vagliare tutti i referti.