Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, movida molesta in centro storico: musica a tutto volume in piazza Piccinino

Esplora:

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Ancora movida molesta nel centro storico di Perugia. Nel mirino torna la musica a tutto volume in piena notte. In piazza Piccinino - dove due settimane fa erano state piazzate due casse sulle scalette con i decibel al massimo - gli abitanti tornano a protestare. Uno in particolare. “Alle 1 circa hanno nuovamente messo delle casse o comunque c’era musica alta dalle casse di un’automobile. Anche stavolta dalle scalette di piazza Piccinino”, spiega il residente che all’inizio del mese di agosto proprio per questo problema era sceso in strada affrontando una ventina di giovani chiedendo di chiudere la cassa. “Sembrava una discoteca a cielo aperto”, ha detto. I ragazzi inizialmente hanno risposto alzando i toni però poi hanno spento. Senonché sabato c’è stato il bis. “Ho chiesto l’intervento delle forze dell’ordine, ho chiamato i numeri delle centrali operative, ma non si è visto nessuno”, conclude il residente. 
 

La questura, dalla sua, fa sapere che “proseguono i controlli della polizia di Stato nelle zone del centro cittadino, sia del capoluogo che della provincia, maggiormente interessate dalla movida del fine settimana”. Gli agenti, coordinati da un funzionario della questura, dopo il consueto briefing operativo - effettuato presso il posto di polizia ‘centro storico’ di via Bartolo- con le altre forze dell’ordine impiegate, finalizzato ad individuare gli obiettivi da monitorare e i punti maggiormente critici, hanno effettuato pattugliamenti “a piedi e in auto, battendo tutte le aree del centro”. Nell’ambito dei servizi straordinari, gli agenti della polizia di Stato, coadiuvati dal personale dell’Arma dei carabinieri e della polizia locale, hanno “vigilato le principali vie del centro e le piazze, luoghi particolarmente interessati dagli assembramenti notturni soprattutto in questi weekend estivi dove, si è registrato un considerevole afflusso di turisti e visitatori, sia dall’Italia che dall’estero”. 


Il lavoro delle forze dell’ordine ha interessato anche le vie più interne e nascoste del centro cittadino – zona Porta Sole, scalette dell’acquedotto, piazza Braccio Fortebraccio, via della Viola - “al fine di evitare fenomeni di spaccio, abuso di bevande alcoliche e bivacco”. Il controllo degli operatori ha riguardato anche “gli esercizi pubblici, al fine di verificare il rispetto della normativa in materia di somministrazione di bevande alcoliche e il divieto di vendita ai minori, oltre a quella relativa ai limiti di emissione sonora dopo una determinata ora”. Come la musica palla in piazza Piccinino. Del resto il centro storico è grande e le forze dell'ordine non possono stare contemporaneamente dappertutto.