Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Allerona: ruba nelle chiese, ladro individuato grazie alla videosoveglianza e denunciato

  • a
  • a
  • a

Aveva escogitato un sistema artigianale per portarsi via le cassettine delle offerte da destinare ai poveri e portarsi via quello che vi era dentro, ovvero le elemosine dei parrocchiani. Un’idea già di per sé malsana, e oltretutto mal congegnata perché ormai anche all’interno dei luoghi di culto ci sono le telecamere della videosorveglianza che hanno ripreso tutto consentendo alle forze dell’ordine di risalire all’identità del malfattore.

 

 

E’ successo due notti orsono ad Allerona, in provincia di Terni, ad essere prese di mira la chiesa del paese e quella che si trova allo scalo. A dare l’allarme ai carabinieri della stazione locale è stato il parroco delle due parrocchie che, in mattinata, ha constato che la notte precedente qualcuno si era introdotto nelle due chiese ed aveva portato via le cassette con i soldi delle offerte dei fedeli.

Da subito le indagini dell’Arma si sono concentrate sulla visione dei filmati delle immagini del sistema di videosorveglianza installato in entrambe le parrocchie ed hanno riscontrato che l’autore dei due furti era lo stesso. Durante la fase delle ricerche, nella tarda mattinata di ieri, è stata segnalata proprio alla stazione dei carabinieri di Allerona la presenza di un giovane uomo che, a piedi, stava percorrendo la strada provinciale che da Allerona paese portava allo scalo.

 

 

 

La descrizione del sospetto corrispondeva all’autore dei furti e così i militari dell’Arma si sono messi sulle sue tracce. Sentendosi probabilmente braccato, il presunto ladro ha cercato di nascondersi in una zona boschiva dove però è stato rintracciato. All’identificazione è risultato essere un trentenne originario di Vitorchiano, in provincia di Viterbo.

Una volta rintracciato e messo davanti alle responsabilità dei fatti, il trentenne ha ammesso quanto gli è stato contestato, è stato condotto nella stazione dell’Arma per completare la sua identificazione e per denunciarlo all’autorità giudiziaria di Terni.  Le indagini degli uomini dell’Arma comunque proseguono per cercare di accertare l’uomo si sia reso protagonista di fatti analoghi in altri Comuni della provincia. In ogni caso – chiosano i carabinieri – l’operazione dimostra, ancora una volta, l’importanza della sinergia tra la popolazione ed i militari dell’Arma.