Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, pitbull aggrediscono asinella: è in fin di vita

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Alcantara, meglio nota come Ginetta, soprattutto ai frequentatori della Città della Domenica lotta tra la vita e la morte. L’asinella sarda, per anni mascotte del parco perugino e attualmente adottata da una famiglia che vive a Monte Malbe è stata infatti vittima di una bruttissima aggressione da parte di due cani di razza pitbull che sono entrati nella sua stalla. A raccontare l’accaduto è la sua proprietaria che è andata a sporgere denuncia nei confronti del proprietario dei cani, un vicino di casa della sfortunata asinella che già due settimane fa era stata vittima di un attacco degli stessi cani. Anche in quel caso la proprietaria aveva sporto denuncia ai carabinieri. 

 


Ieri di fatto la donna ha presentato un’integrazione a quanto già raccontato due settimane fa. Secondo quanto ricostruito nella denuncia presentata ai carabinieri, il 2 agosto scorso il proprietario di Ginetta aveva sentito dei forti lamenti provenire dalla stalla e quando era arrivato, aveva trovato due grossi pitbull che stavano azzannando l’animale in varie parti del corpo. 
L’uomo si era messo a urlare ed era riuscito a mettere in fuga i due cani. Lunedì notte i cani hanno attaccato in maniera ancora più pesante. L’aggressione infatti è stata molto grave e Ginetta ora lotta tra la vita e la morte. E’ stata affidata ai veterinari della clinica veterinaria dell’Università degli studi di Perugia. Nel referto dell’asinella si legge che la prognosi dell’animale è “riservata per la sopravvivenza per il rischio di insufficienza d’organo a causa dell’esteso danno necrotico dei tessuti per almeno 30 giorni”. I due pitbull infatti l’hanno azzannata in diverse parti del corpo provocandole lesioni profonde e multiple. 

 

 


Secondo quanto emerso inoltre, l’asinella aveva riportato delle ferite anche il 24 luglio scorso sempre per un attacco da parte di cani. La proprietaria stavolta però ha deciso di sporgere denuncia, proprio perché, secondo quanto riferito ai carabinieri, non sarebbe la prima volta che i due cani scappano dall’abitazione del loro vicino di casa e creano panico o peggio nelle abitazioni del circondario. Nella denuncia infatti la donna spiega che il pomeriggio precedente all’aggressione all’asinella anche un altro vicino di casa si era lamentato per la presenza degi stessi due cani nella sua proprietà. Aveva chiamato il proprietario il quale aveva provveduto a recuperare i suoi due cani e riportarli in casa.