Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Perugia, turisti derubati mentre visitano la città: hotel regala notte gratis

Alessandro Antonini
  • a
  • a
  • a

Famiglia romana in visita a Perugia viene derubata di tutto: scatta la corsa di solidarietà. Un hotel regala loro (padre, madre e due figli) una notte gratis e una perugina sta organizzando un pacco dono collettivo su una chat. Il racconto è di Pietro Floris, che lo ha postato su Fb. Tutto è successo domenica, quando stava andando con la figlia al Museo archeologico azionale umbro (Manu) per la Festa etrusca.  “Appena ho parcheggiato lungo viale Roma, davanti alla San Paolo, una famiglia di Roma, padre, madre e due figli dell'età della mia, mi ha chiesto indicazioni a piedi per il centro. Gliele ho date ma prima ho detto loro di seguirmi per andare insieme al Manu e vedere tutto quello che questo museo, per giunta gratuitamente, domenica, come tante altre, offriva. Lo hanno fatto con entusiasmo e abbiamo passato piacevolmente un paio d'ore insieme”, ha scritto Floris. E fin qui tutti contenti e felici.

 

 

Stamattina (ieri, ndr), mi hanno chiamato. Ieri sera al ritorno a riprendere la macchina in viale Roma, vetro spaccato, valigie rubate, con dentro un macchinario salute della mamma, tablet dei ragazzi, effetti personali vari, qualche soldo e varie; venivano da un weekend in Umbria di qualche giorno. Hanno fatto subito denuncia al telefono alla polizia di Perugia, ma la carenza di macchine non ha consentito l'arrivo di una volante sul posto, per controllare al buio assieme a loro, la presenza di qualche oggetto, il macchinario della salute in primis, prima del loro rientro a Roma, che quindi è avvenuto subito”. 

 

 

Da qui l’idea dello stesso Floris di condividere la storia e “risarcire questa famiglia di turisti di quello che la parte malata di questa città gli ha tolto”. La risposta c’è stata. “Prima un importante Hotel di Perugia che ha offerto una notte gratis alla famiglia romana, poi la disponibilità di una piccola donazione di un'amica, poi l'idea del pacco dono a cui daremo sicuramente seguito”. Non è mancato un messaggio della famiglia derubata: “Speriamo un giorno di ritornare a Perugia e ringraziare tutti di persona”.