Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il figlio di Pippo Baudo torna dall'Australia e cerca casa a Terni

Antonio Mosca
  • a
  • a
  • a

Da Sydney a Terni per stare più vicino a suo padre. Alessandro Baudo (nella foto accanto alla statua del Thyrus a palazzo Spada), riconosciuto 26 anni fa come figlio dal Pippo nazionale, si è trasferito da pochi giorni a Terni. E ha intenzione di trovare una casa e mettere radici proprio nella città dell’acciaio. Che, strano a dirsi, gli ricorda l’Australia e il Canada. Nella hall del residence che lo ospita, Alex, questo il suo nome d’arte, racconta che ha trovato molte analogie con le città all’estero dove è vissuto negli ultimi anni. Alessandro, buon sangue non mente, è un artista.

“Sin da ragazzo - racconta – ho fatto il musicista e il cantante. Il mio genere è il soul rock. In Australia ho inciso otto dischi e ho notato che nel mio pubblico c’erano tantissimi italiani. E così, dopo averci meditato a lungo durante il lockdown, ho deciso di dare una svolta alla mia vita. Sotto tutti i punti di vista. Non è stato facile perché a casa ho lasciato mia madre che è anziana e ha gravi problemi di salute. Ma per fortuna ci sono i miei fratelli e mio figlio che mi hanno incoraggiato a seguire i mie progetti in Italia”. A Terni è arrivato dopo un breve passaggio per Ostia. “Carlo Campili, il mio amico e manager – racconta – è ternano e mi ha consigliato di spostarmi nella sua città. Terni vanta un’ottima qualità della vita, le persone sono socievoli e alla mano. E poi è molto ben collegata con Roma dove c’è mio padre con cui ci sentiamo quasi ogni giorno. Lui sta bene con i suoi 86 anni portati alla grande. Certo, non è un ragazzino. Ma ha una tempra forte e un grande spirito. Ora si vede molto meno in tivù, appare un po’ in disparte. Ma non escludo che abbia qualche sorpresa in serbo. Lui è fatto così. E’ molto riservato sul lavoro ed è anche molto rispettoso nei confronti dei progetti professionali dei figli”.

Alex ricorda di avere un ottimo rapporto anche con Tiziana, l’altra figlia dell’uomo che ha fatto la storia del piccolo schermo in Italia. A Terni ha molto apprezzato anche la cucina. “Rischio di prendere qualche chilo - dice scherzando - ma ne vale la pena”. Proprio in questi giorni sta preparando un tour nazionale attraverso l’agenzia Iceman Production di Carlo Campili che segue anche altri artisti di grosso calibro. E a settembre uscirà la biografia di Alessandro Baudo con l’.editrice Bertoni. Alex ha 60 anni ed entusiasmo da vendere. E nel volto e nel portamento si rivede Pippo. Non vede l’ora di tornare a cantare dal vivo. E sta pensando anche a un grande concerto a Terni a cui Pippo non potrà di certo mancare. “Ho parlato di questo e tanti altri progetti - racconta - con il sindaco Leonardo Latini a palazzo Spada. E’ una persona squisita, da cui ho trovato grande disponibilità. Sono certo che potremo fare grandi cose per Terni che sento già come la mia città”.