Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scuola Umbria, via libera a 174 assunzioni per personale Ata

  • a
  • a
  • a

Il contingente di assunzioni in ruolo del personale amministrativo, tecnico e ausiliario autorizzato dal Ministero per l’Umbria è di 174 unità. Un numero assolutamente insufficiente per Erica Cassetta, segretaria regionale Cisl scuola, che ricorda come i posti disponibili siano molti di più, 486. In particolare, sono state sbloccate assunzioni per 122 collaboratori scolastici, 33 assistenti amministrativi, 12 assistenti tecnici, 5 Dsga, un guardarobiere e un cuoco.

 

 

 

 

 

“I numeri delle immissioni in ruolo, soprattutto nell’area amministrativa, sono inadeguati per poter rispondere alle funzioni di sostegno alla didattica che questo personale deve svolgere - evidenzia Cassetta - Soprattutto assistiamo a uno scarto ingiustificato tra le disponibilità dei posti e le effettive immissioni in ruolo: 122 assunzioni di collaboratori scolastici a fronte di 295 disponibilità, per esempio, 33 assunzioni di assistenti amministrativi a fronte di 91 disponibilità”. Si andrà, quindi, verso un altro anno all’insegna delle supplenze. Anche per quanto riguarda il personale docente, infatti, lo stesso sindacato aveva fatto notare come il contingente sbloccato per l’Umbria, appena una decina di giorni fa, fosse inadeguato alle effettive esigenze: 1.136 assunzioni per le scuole dell'Umbria di cui 326 i posti per il sostegno.

 

 

 

 

“Si tratta di un numero di assunzioni inadeguato che copre forse la metà dei posti di precariato in Umbria - dice Cassetta - Continuiamo a sostenere un sistema a doppio canale che garantisce un’immissione progressiva del personale a tempo determinato”. E il problema è particolarmente evidente per quanto riguarda il sostegno visto che il ricorso alle supplenze non garantisce quella continuità dell’offerta formativa di cui questi studenti più di altri avrebbero bisogno. “Anche in questo caso - spiega Cassetta - si registrano forti discrepanze tra posti disponibili e aspiranti presenti nelle graduatorie”.