Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Città di Castello, scale mobili chiuse da tre mesi

  • a
  • a
  • a

Da tre mesi a Città di Castello la seconda rampa delle scale mobili è ferma e inutilizzabile. Non ci sono scritte o cartelli che avvertono turisti, o semplici cittadini, che questa struttura è, al momento, bloccata. 
Le scale mobili sono molto apprezzate da tanti che frequentano il centro storico, perchè uniscono il parcheggio Ferri e l'Ansa del Tevere al giardino del Cassero. Non solo ma sono un incentivo a lasciare l'auto al parcheggio e a fare due passi godendosi uno squarcio suggestivo sulla città e passeggiando, letteralmente, nella storia visto che la struttura è stata realizzata all'interno delle mura urbiche. 
A evidenziare il malfunzionamento è stata Emanuela Arcaleni, capogruppo di Castello Cambia, che durante le comunicazioni, nell'ultima seduta del consiglio comunale, ha chiesto spiegazioni al sindaco.
Il primo cittadini, Luca Secondi, nella replica ha affermato che ''nelle scale mobili è in atto una manutenzione straordinaria dovuta probabilmente anche ad atti vandalici'' e che ''Il malfunzionamento è più consistente – a livello temporale - rispetto a quello di una manutenzione ordinaria''. 

 

 

Ma la stessa Arcaleni ribatte alle parole del sindaco Luca Secondi con una nota, dove sottolinea: ''Metà scala mobile è ferma da mesi: urge intervento, specie in un momento di ripresa dei visitatori. 
Il capogruppo di Castello Cambia aggiunge: ''Per chi non ha problemi di deambulazione è solo un esercizio ginnico in più, ma per chi ha difficoltà, un’età avanzata o semplicemente passeggini al seguito, il problema esiste. Senza contare la pessima figura che fa la città, in un momento di ripresa del turismo, anche perché non è presente alcun cartello di avviso all’accesso, che potrebbe indirizzare verso un percorso più lungo ma più agevole''. 

 

 

Arcaleni, inoltre, ricorda che ''Sono vari mesi che è inesorabilmente ferma. Ai cittadini e ai turisti che entrano in città dall’accesso, possiamo dire, più comodo dato il grande parcheggio vicino, l’amara sorpresa di scoprire, peraltro a metà strada, che solo la prima rampa è attiva, mentre per il resto occorre salire le scale''.