Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Terni, progetto stadio clinica, il Pd di Perugia contrario. Bandecchi risponde

  • a
  • a
  • a

Nel sud dell’Umbria è stata vista come una sorta di “invasione di campo” e viene da chiedersi se i circa 40 componenti del circolo Pd “Settimio Gambuli” di Settevalli, a Perugia, avessero preventivamente informato della loro sortita i vertici regionali del loro partito. Perché, certamente, non si può definire un’uscita “popolare”. E’ anzi scoppiata una bufera di reazioni, nel pomeriggio di venerdì 15 luglio 2022, alle riflessioni nettamente contrarie dei dem perugini sul progetto stadio-clinica di Bandecchi attualmente all’esame della Regione.

 

 

“Si apprende che a Terni – scrivono i dem di Settevalli – verrebbe realizzato un singolare investimento, a quanto ci risulta unico in Italia, che prevede da un lato ‘la riqualificazione, valorizzazione e gestione funzionale e economica dello stadio Libero Liberati (su aree di proprietà pubblica); dall’altro la realizzazione, nell’area privata di proprietà della Ternana, di una clinica/casa di cura privata con parziale accreditamento e convenzionamento al servizio sanitario regionale’. In sostanza, per ammodernare uno stadio si consente al proprietario della società calcistica la costruzione di una clinica privata a cui si dovrebbe garantire fin da ora accreditamento e convenzionamento".

"(…) Come possono le pubbliche amministrazioni preposte a rilasciare autorizzazioni, accreditamenti e convenzionamenti (comuni, regione e Usl) dire oggi quello che sarà domani saltando tutti i passaggi previsti? Appare quanto meno eccentrico che si possa procedere in questo modo”.

A stretto giro di posta la reazione stizzita di Bandecchi: “I soldi guadagnati onestamente non sono vostri, ma di chi li ha guadagnati. Il vostro modo di pensare resta un modo comunista che niente ha da condividere con la realtà di adesso. Certi atteggiamenti retrogradi o sono frutto di invidia o sono frutto di stupidità. Così non perseguite l’interesse pubblico, che dovrebbe invece rappresentare il vostro credo politico. Putin aspetta adepti!”.

 

 

A seguire il sindaco, Leonardo Latini: “Il Pd di Perugia ci fa sapere che non vuole la realizzazione dello stadio e della clinica a Terni. Bene a sapersi. Un motivo in più per lavorare con ancora più determinazione nella realizzazione di questo progetto. Sarà per questo che i colleghi del Pd di Terni si sono astenuti in consiglio comunale?”.

Il deputato Raffaele Nevi (Fi): “Il Pd umbro è stato sempre campione del mondo nell’arte di scoraggiare investimenti privati, logica che ci ha fatto perdere tante occasioni di sviluppo ma ci ha fatto vincere le elezioni e quindi andiamo avanti serenamente a cercare di far realizzare gli investimenti ai privati, certamente nel rigoroso rispetto delle regole e delle procedure normative”.

Anche dall’opposizione in Comune arrivano voci contrarie alle esternazioni dem: “La sinistra ternana sa occuparsi degli interessi di Terni – dice Alessandro Gentiletti (Senso civico) – senza bisogno di suggerimenti da parte di un circolo di partito perugino, che rappresenta giusto se stesso ed esprime soltanto il suo pensiero”. Infine la Lega: ““Pretestuose ed infondate le motivazioni addotte nell’altolà del Pd. Chiediamo agli esponenti del Pd ternano di chiarire la loro posizione: stanno con Terni e i ternani, o seguono i loro compagni di partito di Perugia?”