Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Donatella Tesei perde consensi nel sondaggio del Sole 24 ore. La governatrice: "Giudicheranno gli umbri"

  • a
  • a
  • a

La governatrice dell'Umbria, Donatella Tesei non recupera punti nella classifica di gradimento dei presidenti di Regione nel sondaggio pubblicato dal quotidiano Sole 24 Ore. Rispetto allo scorso anno, perde l'1,5%. Restando nella classifica generale al 14esimo posto con un consenso che si attesta attorno al 44,55%. Finisce invece all’ultimo posto tra i governatori italiani nella classifica stilata confrontando il consenso che i presidenti avevano il giorno delle elezioni rispetto a quello che hanno oggi. Nello specifico, la presidente dell’Umbria, da ottobre 2019 perde il 13,1% dei consensi. Anche il leghista, Luca Zaia, primo nella classifica generale con un gradimento al 70 %(-4% rispetto allo scorso anno) perde il 6,8% di consensi piazzandosi 14esimo nella classifica del raffronto tra elezioni e gradimento attuale. Dopo Zaia, nella classifica generale si piazzano Massimiliano Fedriga (che guadagna un 9% e arriva al 68%) e Stefano Bonaccini, che avanza di altri 5 punti percentuali arrivando al 65%. Sempre Fedriga e Bonaccini sono ai primi posti anche nella classifica di confronto tra gradimento al momento delle elezioni e consenso attuale. Bonaccini è primo con un + 13,6% e Fedriga secondo con un + 10,9%. La presidente Tesei spiega: “Non commento i sondaggi, né pubblici né privati, ne prendo atto, come ho fatto sempre. Continuo a lavorare su temi importanti come la crisi idrica, la partita di Monteluce e la riorganizzazione della rete ospedaliera. Inoltre approveremo a breve un pacchetto di misure a sostegno della famiglia. Poi valuteranno gli umbri sul lavoro fatto e non sui sondaggi”. Per quanto riguarda invece i sindaci, nello stesso sondaggio Leonardo Latini, primo cittadino di Terni, si piazza al 30esimo posto con un gradimento del 55%, perdendo un 8,4% dal giorno dell’elezione. Andrea Romizi invece è 57esimo con un consenso del 51,5% e una perdita dell’8,3% dal giorno delle elezioni.