Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Umbria in fiamme, super lavoro per i vigili del fuoco: 31 interventi in 72 ore

Esplora:

Sabrina Busiri Vici
  • a
  • a
  • a

Umbria in fiamme, in poche ore si sono moltiplicati gli interventi dei vigili del fuoco: 31 nei primi tre giorni di luglio sono quelli registrati dal Comando di Perugia sotto la tipologia incendi di vegetazione. Sterpaglie, campi di grano e bosco, ettari ed ettari andati a fuoco. 
Il primo fine settimana è stato un susseguirsi di allarmi. Segnalato lo stato di “pericolo estremo” per l’Umbria da Copernicus, il programma di osservazione della Terra dell’Ue. 

 


Domenica 3 luglio un vasto incendio intorno alle 13 ha interessato Cerqueto. Sul posto si sono recate quattro squadre di vigili del fuoco: la situazione si è rilevata critica perché, pur non essendoci pericolo per le abitazioni vicine (un agriturismo ndr), comunque il vento forte ha reso più complicate le operazioni. 
Sempre nella mattinata di domenica i vigili del fuoco sono tornati in zone, già interessate dalle fiamme sabato, per domare altri roghi che si erano andati sviluppando. Il primo nel comune di Massa Martana, San Faustino, dove tra sabato e domenica sono stati interessati un bosco, per una estensione di 3 ettari, e 17 ettari di stoppie. Le operazioni di spegnimento sono state seguite dalla sala operativa unificata permanente (Soup) ed è stato necessario anche intervenire con il mezzo aereo. Il secondo incendio, sempre nella mattinata di ieri, ha riguardato un campo in zona San Giustino, località Pitigliano. 

 

 


La giornata di sabato 2 luglio è stato un susseguirsi di interventi. In particolare nel pomeriggio, dalle 14 in poi, tutti i distaccamenti provinciali erano impegnati nello spegnimento dei roghi e si è reso necessario attivare le forze dei volontari da Castiglione del Lago e Città della Pieve.
Le squadre del Comando provinciale di Perugia sono state impegnate, sia a terra che con mezzi aerei. A Uncinano (Spoleto) hanno bruciato 11 ettari e ancora Nocera Umbra, Magione, Maltignana (Cascia) e in tarda serata a Santa Maria Tiberina. “Una situazione di emergenza che è andata avanti tutta la giornata tanto che eravamo in difficoltà a rispondere con il personale a disposizione”, dicono dal Comando di Perugia. 
Situazione più tranquilla nel fine settimana si è presentata nel Ternano comunque interessato, nella giornata di martedì 28 giugno, da un incendio di una certa entità sviluppatosi in ettari di bosco e sterpaglie a Calvi dell’Umbria. Lo stesso giorno ad Acquasparta le fiamme hanno avvolto una lavanderia industriale.