Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Lione, "non devi piangere". E la maestra le versa in gola l'acido muriatico: la morte choc di una bambina figlia di un italiano

  • a
  • a
  • a

La maestra dell'orrore. Una bimba di 11 mesi è stata ammazzata con l'acido muriatico dalla sua insegnante, un’educatrice dell'asilo. La donna, per sua stessa ammissione, ha spiegato di averlo fatto "perché non voleva più sentirla piangere". La tragedia si è consumata a Lione, ma la bimba è la figlia di un italiano che si è trasferito in Francia per lavoro. Il papà della piccola, originario di Torre Boldone, mai avrebbe immaginato che in quell'asilo avrebbe potuto perdere la cosa più preziosa in questo modo. La notizia, riportata da Prima Bergamo, ha fatto il giro del mondo.

 

 

Secondo quanto riportato dalla procura di Lione, nell'interrogatorio seguito all'arresto di ieri, l'insegnante 27enne ha ammesso di aver bagnato la piccola con un prodotto disgorgante per lavandini, e poi di averglielo versato in gola. Una mossa atroce che ha portato alla morte la bambina. Inutile la corsa in ospedale, la piccolina non ce l'ha fatta. La donna adesso si trova in carcere con l'accusa di omicidio. Secondo il suo avvocato, l'insegnante non aveva alcuna intenzione di ammazzare la bimba, avrebbe agito per rabbia, poi la situazione le sarebbe sfuggita di mano. L'avvocato - che ha anticipato la richiesta di perizia psichiatrica - parla di una 27enne fragile, con una "situazione personale particolare", che probabilmente non doveva essere lasciata sola con la bambina.