Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Conseguenze del sisma e della pandemia, a Norcia apre sportello psicologico per ragazzi

Rosella Solfaroli
  • a
  • a
  • a

Sono stati 53 i ragazzi e le ragazze di Norcia, sui 58 intervistati in totale, che hanno espresso parere favorevole per l’attivazione di uno sportello di ascolto psicologico nel loro comune. La maggior parte di loro, 30, vorrebbe essere supportato nella gestione dell’ansia, 25 nella gestione delle emozioni mentre 14 in quella delle relazioni. E ce ne sono stati anche 22, sempre tra i 58 a cui è stato sottoposto un test nel pieno rispetto dell’anonimato, che avrebbe voluto il servizio anche solo per sfogarsi.

 

 

Così, preso atto della difficoltà che molti giovani nursini stanno affrontando attualmente sotto il profilo psicologico, dovuto anche al post terremoto e pandemia, dal 16 giugno e ogni giovedì dalle 14 alle 20, questo desiderio diventerà realtà per i ragazzi e le ragazze di età compresa tra i 17 e i 25 anni. Lo Sportello di ascolto e sostegno psicologico, infatti, diventerà operativo all’interno del Comune di Norcia e sarà gratuito per chi ne volesse usufruirne perché finanziato dal progetto Self care community. Comunità sostenibili, resilienti e attivanti. L’obiettivo ultimo dello sportello è principalmente quello di promuovere una cultura del benessere psico-sociale e di prevenire l’emergere di possibili situazioni a rischio di disagio psicopatologico.

 

 

Inoltre “mira a incrementare le risorse individuali e relazionali, al fine di favorire lo sviluppo e l’attuazione di strategie di coping e problem-solving più funzionali al superamento delle problematiche emerse – come spiega chi avrà l’onere di gestore il servizio, Eleonora Betti, psicologa clinica esperta in psicologia pediatrica e specializzanda in psicoterapia cognitivo comportamentale - Tale servizio si basa sull’assunto che considera la prevenzione in ambito psicologico uno strumento fondamentale per poter riconoscere, esplicitare e affrontare il disagio e le difficoltà psicologiche fin dalle prime forme di manifestazione”. I ragazzi potranno accedere spontaneamente allo Sportello d’ascolto attraverso appuntamento, previo consenso sottoscritto da parte dei genitori qualora si tratti di i minorenni. Ad ogni ragazzo che ne farà richiesta verranno garantiti un massimo di quattro incontri (info 392 5988207 oppure [email protected]).